Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
News Turismo
Via a Prima classe Italia per certificare e sviluppare il turismo di lusso

Via a Prima classe Italia per certificare e sviluppare il turismo di lusso

26 Novembre 2015

Il settore del turismo di lusso continua a crescere e così 23 imprese hanno deciso di costituire un network denominato Prima classe Italia, aderente a Federturismo-Confindustria per investire e crescere nel settore. Come sottolinea Giorgio Caire di Lauzet, presidente di prima classe Italia, «aumentano i consumatori di alta gamma nel mondo: alla fine del 2014 se ne sono contati 432 milioni con una spesa complessiva di 755 milioni di euro; per il 2021 se ne prevedono 465 milioni e arriveranno a spendere oltre un miliardo. Il lusso esperienziale crescerà del 6,7% l'anno, guidato da hotellerie e viaggi.

Secondo le stime della Organizzazione mondiale del turismo (Unwto) dell'Onu i viaggiatori del segmento lusso rappresentano il 3% di tutti i turisti che viaggiano nel mondo. Il numero dei viaggiatori di lusso nel mondo si può stimare in circa 300 milioni di individui. La destinazione principale di questi viaggiatori è l'Europa (41%), l'Italia è la destinazione preferita dal 9% dei turisti del lusso». Come aggiunge Caire di Lauzet gli attuali soci di prima classe Italia sono 23 ed operano in svariate categorie: dimore di alto profilo; chef stellati; organizzazione eventi esclusivi; associazioni nel segmento dell'arte; compagnie di elicotteri ed hotel 5 stelle.

Tra gli obiettivi del 2016 c'è il varo di una sorta di "bollino blu" del turismo di lusso. Insomma Prima classe Italia diventa un brand certificato al termine di un audit. Lo status di Prima classe Italia dovrà essere confermato ogni anno previo verifica presso ogni associato. Il piano per il 2016 prevede poi di comunicare a livello internazionale attraverso le istituzioni, le ambasciate e gli enti preposti alla diffusione dell'eccellenza esperienziale/turistica italiana, il posizionamento e il valore dell'ottenimento dello status Prima classe Italia delle realtà che hanno i requisiti necessari, sottolinea Caire di Lauzet. 

Tali azioni di comunicazione e di sostegno al marchio Prima classe Italia saranno finalizzate a supportare gli associati per essere più riconoscibili come realtà eccellenti verificate ed essere più efficaci nella loro offerta a livello nazionale e internazionale. Fonte: IlSole24Ore