Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
News Turismo
Traffico aereo ai livelli pre-crisi.  Tyler (Iata): «Merito delle tariffe low»

Traffico aereo ai livelli pre-crisi. Tyler (Iata): «Merito delle tariffe low»

05 Febbraio 2016

Il miglior anno dal 2010: il consuntivo 2015 del trasporto aereo mondiale monitorato dalla Iata ha fatto registrare incrementi della domanda aerea del 6,5% e anche l'offerta è cresciuta del 5,5%. Il momento di grazia dell'aviazione commerciale è sostenuto anche dal load factor, ovvero il fattore di riempimento posti a bordo degli aerei, che ha raggiunto l'80%.

«La performance dello scorso anno è tanto più significativa se si considera che è stata realizzata in un contesto economico molto debole – conferma Tony Tyler, ceo della Iata – Ma la richiesta di trasporto aereo è aumentata grazie anche alla politica tariffaria perché i consumatori hanno beneficiato di tariffe inferiori rispetto al 2014».

Nell'analisi delle macro-regioni gli analisti della Iata hanno evidenziato che tutte le regioni hanno registrato un aumento anno su anno della domanda. I vettori dell'area Asia Pacifico hanno registrato un aumento della domanda dell'8,2% rispetto al 2014, che risulta essere l'aumento più consistente tra le tre regioni più grandi. La domanda è stata stimolata da un aumento del 7,3% del numero di collegamenti diretti per gli aeroporti della macro regione, ed anche la capacità aerea (l'offerta) è aumentata del 6,4%.

Anche il traffico internazionale dei vettori europei è salito del 5,0% mentre le compagnie aeree del Nord America hanno visto la domanda aumentare del 3,2%. Molto rilevante la crescita in Medio Oriente  con una  quota di traffico internazionale cresciuta del 14,2%. Traffico aumentato anche per le compagnie aeree latinoamericane con un incremento del 9,3% . - Fonte: L'Agenzia di Viaggi.it