Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
News Turismo
Romania: "L'Italia mercato prioritario"

Romania: "L'Italia mercato prioritario"

09 Febbraio 2016

Nel 2015 registrati oltre 210.000 pernottamenti italiani nelle strutture ricettive del Paese 

Turismo culturale, city break, turismo religioso, rurale e verde. Tra le carte giocate dalla Romania. Tra i principali punti turistici strategici ci sono la Transilvania, la Bucovina, il tradizionale Maramures con la lavorazione del legno e il Delta del Danubio con i suoi canali acquei e fauna variegata, nonché tutta l’area naturalistica dei Carpazi.

Per il Paese l’Italia si riconferma ogni anno un mercato prioritario con molte potenzialità. Tra le novità su cui la Romania sta lavorando ci sono, in linea con le richieste del mercato, destinazioni per turismo attivo e di avventura, una serie di eventi nelle maggiori città dedicati a tutte le età e iniziative per le nicchie termali e balneari.

Il turismo termale, difatti, continua a fare passi importanti dopo l’inaugurazione nel 2015 della prima struttura luxury 5 stelle a Baile Felix (Oradea, Nord-Ovest del Paese) registrando un nuovo first: l’apertura del più grande complesso termale d’Europa nella capitale Bucarest a gennaio 2016.

Per quanto riguarda i flussi relativi al 2015, la Romania si conferma una destinazione di grande interesse per il viaggiatore italiano. Nel 2015 sono stati registrati oltre 210.000 pernottamenti degli italiani nelle strutture ricettive della Romania.

Le principali attrazioni si confermano la Transilvania con le sue città medioevali e villaggi sassoni, la Bucovina con i monasteri dipinti e la capitale Bucarest con i suoi musei, la vita culturale, ma anche per le varie possibilità di divertimento. La Transilvania diventa la meta più gettonata anche grazie alla classifica “Best in Travel 2016” della Lonely Planet che la rende al primo posto tra le regioni da non perdere quest’anno. - Fonte: GuidaViaggi.it