Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
News Turismo
Multicanalità obbligatoria, per resistere ai colossi

Multicanalità obbligatoria, per resistere ai colossi

09 Gennaio 2014

L analisi rileva che la maggioranza dei soggetti utilizza più strumenti per pianificare e prenotare un viaggio, il che anzitutto suggerisce ai fornitori e intermediari di dotarsi di sistemi versatili, facilmente accessibili da qualsiasi strumento e su qualsiasi canale con qualsiasi interfaccia, sia per l informazione che per il booking e la vendita vera a propria.

Con le app decolla il mobile

Dunque: il 46% degli intervistati usa solo il PC, soprattutto perché apprezza i nuovi grandi monitor ad alta definizione; il 17% usa un mix di mobile e postazione fissa, e un altro 18% aggiunge a tutto questo anche l uso delle app. Ma lo spostamento verso il mobile appare molto rapido, accelerato dalla crescente produzione di app e strumenti che lo rendono più efficiente e gratificante. Ogni brand del turismo, suggeriscono da Maxymizer, deve trasformare l accesso al proprio portale in un esperienza che sia sempre gratificante in se stessa.

A trainare la crescita del mobile booking sono gli hotel, grazie alle app geolocalizzate come Hotel Tonight, i voli guadagnano terreno, frenati solo dalla estrema varietà delle opzioni incluse in un singolo booking, difficile da gestire. Insomma gli hotel dominano la lista con il 34% degli intervistati che ne ha prenotati dal mobile nei primi sei mesi del 2013, seguono i voli per il 23%, l autonoleggio al 16%, e il pacchetto di volo+hotel+auto con un 12% di compratori frequenti nel periodo, seguito con l 11% del solo volo+hotel.

Ma per ora vince il PC

La cattiva notizia è che l ampia maggioranza non ha apprezzato il booking mobile, che spesso rimane lento e complesso, e così l 83% al momento di prenotare ancora preferisce il PC, di casa o ufficio, e solo il 12% si serve decisamente dello smartphone, il 5% lo fa sul tablet. E dal PC le preferenze di booking cambiano di poco: il 29% prenota hotel, il 18% i voli, ma qui la maggior semplicità del sistema facilita la vendita di pacchetti, sono il 22% i compratori regolari di volo+hotel e di volo+hotel+auto. Sul PC per contro solo il 5% degli intervistati compra il semplice autonoleggio, che invece il 16% acquista agevolmente dal mobile.

Fedeli solo se premiati

A quanto pare inoltre i buyer online, sia da mobile che da postazione fissa, apprezzano i programmi di fidelizzazione dei fornitori: il 68% afferma che i vantaggi offerti sono stati motivanti nella scelta di acquisto. Ma più ancora contano le reviews (34%), promozioni e sconti (32%), e la descrizione accurata di strutture e contenuti del prodotto (14%), le foto (10%) e i video (5%).

Dunque, conclude il report di Maxymiser, il punto per ogni fornitore di turismo è di creare per l enorme potenziale mercato mobile, pronto a decollare, un portale dedicato che offra un esperienza di booking semplice, veloce, efficiente e gratificante, associata a informazione attuale e rilevante. A dirlo sembra facilissimo. Soprattutto, avvertono i marketer, la scelta è fondamentale per i piccoli fornitori che vogliano resistere ai grandi player, e magari decisamente sfidarli sul proprio territorio. - Fonte: L'Agenzia di Viaggi sito web (di Marina Firrao)