Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
News Turismo
Da aprile 2016 l'Esta si fa solo con passaporto elettronico

Da aprile 2016 l'Esta si fa solo con passaporto elettronico

26 Novembre 2015

Gli Stati Uniti pensano a revisioni del programma viaggi senza visto

A partire dal 1° aprile 2016 sarà possibile registrarsi all’Esta, l’autorizzazione al viaggio elettronica per gli Stati Uniti, soltanto con il passaporto elettronico, cioè contenente il microchip inserito nella copertina, il quale contiene la fotografia e le impronte digitali del proprietario. Questo è anche l’unico tipo di passaporto rilasciato in Italia dal 26 ottobre 2006.

Ne dà notizia l’associazione Visit Usa Italy nella sezione "news" del suo sito web. Stretta sulla sicurezza Si tratta di prime misure stringenti sulla sicurezza che il Paese adotta, dopo gli attacchi di Parigi. Così come gli accordi di Schengen vacillano in Europa, sospesi per gli Europei di calcio del 2016 in Francia, anche gli Usa stanno pensando di rivedere il programma “senza visto”, o Visa Waiver Program, cui aderiscono 38 Paesi, compresa l’Italia.

La stampa statunitense ne scrive ampiamente in questi giorni, sulla base di dichiarazioni che il portavoce della Casa Bianca, Josh Earnest, ha condiviso con i giornalisti: “E’ un ambito (il Visa Waiver Program, ndr) in cui ulteriori controlli e riforme potrebbero essere utili per migliorare la sicurezza”. La discussione politica va avanti da mesi e al Congresso due senatori, dei due schieramenti, hanno definitivamente avanzato questa proposta all’indomani dell’approvazione della legge per fermare l’ingresso dei rifugiati siriani.

Ora è atteso un ulteriore dibattito politico, che fa leva sulla priorità di garantire sicurezza durante i viaggi, considerato che gli attentatori di Parigi erano cittadini francesi e belgi, quindi in grado di entrare negli Usa secondo le formalità del Visa Waiver Program, senza un colloqui personale in ambasciata o al consolato, ad esempio. Circa 19 milioni di persone all’anno entrano attraverso questo programma, visto dall’industria turistica come una forte spinta all’economia e fortemente sostenuto. di p.ba. - Fonte: GuidaViaggi.it