Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
News Turismo
Cipro accelera e confida nel turismo per uscire dalla crisi

Cipro accelera e confida nel turismo per uscire dalla crisi

29 Gennaio 2014

Gli arrivi turistici sono infatti scesi da 2,46 a 2,40 milioni, a meno 2,4 per cento: un buon risultato considerando che, a marzo, il Paese aveva subito un crollo dell'inbound del 70 per cento dopo la chiusura delle banche per due settimane e il rafforzamento dei controlli sui capitali, imposto dagli istituti di credito internazionali in cambio di un aiuto da 10 miliardi di euro. Inoltre il dato migliore riguarda le entrate valutarie che, secondo le rilevazioni di Hannides, sono aumentate di oltre 9 punti percentuali rispetto al 2012, "in uno degli anni peggiori per la nostra economia" precisa.

Il miglioramento dei ricavi riaccende, dunque, le speranze del Paese di riemergere dalla crisi anche grazie agli introiti di un settore chiave nell'economia cipriota, dal momento che il turismo rappresenta circa il 12 per cento del Pil. Nella classifica dei mercati emissori spicca il volo la Russia che, con oltre 600mila arrivi, si piazza al secondo posto dietro solo alla Gran Bretagna. I turisti russi sono aumentati, nel 2013, del 28,3 per cento, compensando il calo da altri bacini quali Germania, Grecia e Gran Bretagna. In dicembre il numero di visitatori è aumentato rispetto al 2012, segnando il terzo mese consecutivo di incremento dell'inbound. - TTG Italia sito web