Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
YAHOO FINANZA - Ue, associazioni tour operator: Governo difenda sistema voucher

YAHOO FINANZA - Ue, associazioni tour operator: Governo difenda sistema voucher

03 Luglio 2020
Roma, 3 lug. (askanews) - "Il Governo difenda strenuamente e, soprattutto, pubblicamente la propria posizione, provvedendo a rendere i voucher strumenti maggiormente flessibili, ma non mettendo minimamente in discussione il principio sul quale si fonda la norma". Lo chiedono le associazioni rappresentative del Turismo organizzato, Aidit, Assoviaggi, ASTOI e Fto, dopo la procedura d'infrazione avviata dalla Commissione europea nei confronti dell'Italia sul meccanismo.

"Un eventuale ripensamento - aggiungono - vorrebbe dire condannare a morte sicura migliaia di imprese, la perdita dell'occupazione per milioni di lavoratori e non garantire affatto i diritti dei consumatori che, una volta fallite le aziende, non avranno pi n voucher n rimborsi".

"I tour operator e le agenzie di viaggio, peraltro - aggiungono -, hanno gi spontaneamente adottato forme di flessibilit dello strumento, allungando la sua validit a 18 mesi e rendendolo rimborsabile al termine del periodo ove non fruito. Quindi, gli operatori non hanno mai inteso negare alcun diritto ai viaggiatori e sono gi pronti a rimborsare al termine del periodo di validit del voucher, ove il viaggiatore non fosse in grado di utilizzarlo".

"A distanza di quattro mesi dallo stop dei viaggi - proseguono -, le imprese della filiera del turismo organizzato non hanno ancora ricevuto altre misure di sostegno e risorse adeguate per garantire la propria sopravvivenza. Per queste imprese la ripresa sar lentissima, si stima infatti un ritorno alla normalit non prima del 2022".

"Allo stato attuale - concludono - sarebbe quindi impossibile per le aziende del turismo poter far fronte a richieste di restituzione di milioni di euro relativi al costo di pacchetti annullati, avendo cessato ogni produzione sin da met febbraio e avendo, nella maggior parte dei casi, gi provveduto a pagare i servizi richiesti dai viaggiatori ai fornitori, che sono per lo pi esteri".

Fonte = YAHOO FINANZA 03/07/20