Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
VERO - DAI "FERRAGNEZ" AI "TRUNZIKER", TRA I FAMOSI ORA VA DI MODA LA MONTAGNA!

VERO - DAI "FERRAGNEZ" AI "TRUNZIKER", TRA I FAMOSI ORA VA DI MODA LA MONTAGNA!

03 Luglio 2020

Appena è stato dato il via libera, dopo la quarantena forzata per la pandemia, la regina delle influencer Chiara Ferragni ha portato in mezzo alla natura il suo piccolo Leone, avuto due anni fa con il rapper Fedez, pochi mesi prima delle loro nozze. Un formaggio personalizzato Per una gita non troppo distante da Milano, dove abitano "i Ferragnez", l'imprenditrice social ha scelto un agriturismo a Lenna. nella bergamasca Val Brembana, tra caprette, mucche, coniglietti e tanto verde intorno. Conoscono bene quella struttura anche Michelle Hunziker e Tomaso Trussardi, che tempo fa sono stati immortalati lì durante una loro visita: in quell'occasione i "Trunziker" sono stati omaggiati con una forma di formaggio personalizzata con il logo della casa di moda guiduta dal marito della conduttrice. Sembra che siano clienti affezionati anche l'attore Giorgio Pasotti e la campionessa olimpionica di discesa libera Sofia Goggia Cecilia e Ignazio, coppia dolomitica Di recente Cecilia Rodriguez. la sorella di Belen, ha trascorso molto tempo tra le montagne del Trentino, a Palù di Giovo (Trento), dalla famiglia del suo fidanzato,  Ignazio Moser, originario di quei posti: la coppia, formatasi al Grande Fratello Vip 2017. ha pubblicato in Rete diverse foto e brevi filmati che li ritraggono tra vigne, ceppi di legna da tagliare e ciliegie da raccogliere. Il comico e attore genovese Maurizio Lastrico, dopo il lockdown. non vedeva l'ora di sfrecciare a bordo della sua moto con alcuni amici. Le sue prime tappe sono state nell'Appennino tosco emiliano. "Splendido luogo e splendide persone", ha invece scritto su Instagram il cantante Piero Pelù, con riferimento a una foto relativa al fiume Tirino, nell'omonima valle all'interno del Parco Nazionale del Gran Sasso, in Abruzzo. Ci sono promozioni per le famiglie Gusti dei vip a parte, c'è chi auspica una riscossa della montagna da Nord a Sud dell'Italia, passando per il Centro: potrebbe essere, in effetti, una conseguenza dei cambiamenti provocati dall'emergenza sanitaria di quest'anno, che condizionerà la scelta delle mete per l'estate. Masi, baite, rifugi, campeggi e bungalow ad alta quota, spesso immersi in scenari da favola, ampi e spaziosi, tra boschi e ruscelli, consentono di rispettare le norme del distanziamento sociale ed evitare resse e assembramenti più facilmente rispetto a certe località di mare. Si tratta di contesti che permettono di allontanarsi dalla città e dal traffico, respirando aria pulita, concedendosi passeggiate a piedi, in bici o a cavallo. I più adrenalinici possono praticare sport all'aperto: sci estivo, arrampicate, parapendio, rafting, canoa e kayak, tra vette imponenti e torrenti impetuosi. E. per chi ha animali domestici, diventa più facile portarli con sé godendo della loro compagnia anche in villeggiatura. Secondo l'associazione Astoi Conlìndustria Viaggi, che rappresenta il 90 per cento del mercato degli operatori turistici in Italia, le richieste di chi potrà godere di qualche giorno di vacanza sui monti, in solitaria o con i propri cari, si starebbero orientando soprattutto verso l'Alto Adige e la Valle d'Aosta. Ma anche al Sud ci si sta dando da fare per offrire ospitalità in piena sicurezza: in vari comuni sulla Sila, in Calabria, e sulle Madonie, in Sicilia, sono stati varati piani di accoglienza per chi intende conoscere per la prima volta, o vuole riscoprire, in totale sicurezza angoli selvaggi della macchia mediterranea. Sul fronte dei costi, chi teme delle impennate può stare abbastanza tranquillo: pare che molti gestori montani intendano proporre promozioni e sconti per attirare single, famiglie e piccole comitive (purché nel rigoroso rispetto delle regole). L'obiettivo è il rilancio di borghi rustici e paesini rupestri, veri e propri gioielli a cielo aperto del nostro Paese, spesso a pochi chilometri di distanza da dove viviamo durante l'anno e, dunque, facilmente raggiungibili. O Complice l'ormai onnipresente regola del "distanziamento sociale Le cabine insonorizzate di una start up trentina Anche lavorare Se le persone non possono raggiungere le Dolomiti, saranno le Dolomiti a raggiungere le persone». È con questo spirito che la start up Moonly, nella Val di Fassa, ha concepito la «stanza del benessere in azienda». Lo spiega a Vero Matteo Piazzi, 26 anni (nella foto), ideatore del progetto Mood per imprese e coworking. «Realizziamo cabine insonorizzate, dove chiunque possa isolarsi per una telefonata, una videochiamata o, semplicemente, per un momento di "decompressione" durante il lavoro», racconta Matteo. Ogni struttura è realizzata con il legno delle foreste intorno al lago di Carezza, le cui immagini sono stampate all'interno, affinché le persone possano beneficiare della visione di un luogo da fiaba. Il materiale proviene dagli alberi abbattuti dalla tempesta Vaia che, nell'autunno 2018, ha colpito circa cinquecento comuni tra Lombardia, Veneto, Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia: quasi quarantatremila ettari di boschi danneggiati. Parte dei ricavi di Moonly sono destinati alla piantumazione di nuovi alberi, prima nel cuore delle Dolomiti e poi altrove nel mondo, per rendere il pianeta più sano e sostenibile.

Fonte = VERO 03/07/20