Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
TRAVEL QUOTIDIANO - CORONAVIRUS: ISTITUZIONI ASSOCIAZIONI SUL PEZZO

TRAVEL QUOTIDIANO - CORONAVIRUS: ISTITUZIONI ASSOCIAZIONI SUL PEZZO

05 Marzo 2020
«A seguito della diffusione del "nuovo coronavirus"2019nCoV, originatasi dalla città di Wuhan, nella provincia cinese dell'Hubei, si raccomanda di evitare tutti i viaggi nella provincia dell'Hubei. Dal 31 dicembre 2019 si continuano a registrare casi di persone affette da coronavirus in tutta la Cina continentale, nonché casi di decessi connessi al coronavirus. La grande maggioranza dei casi di infezione è stata registrata a Wuhan, ma sono state coinvolte anche altre città e province nel Paese, tra le quali Pechino, Shanghai e il Guangdong». Questa è la presa di posizione ufficiale della Farnesina in merito alla diffusione del coronavirus in alcune zone della Cina. Ma le associazioni e gli operatori come hanno risposto all'emergenza che in questi giorni sta diventando sempre più allarmante? Andiamo a vedere le reazioni e le prese di posizioni delle istituzioni e delle associazioni del turismo di fronte all'allarme generato dal coronavirus, che sta arrivando dalla Cina. Sono posizioni diverse ma che puntavano in primis alla tutela del turista, mediante riprotezioni, consulenze mirate, monitoraggio, informazione, sempre in coordinamento con le istituzioni.

Astoi
Astoi è in costante contatto con l'Unità di crisi della Farnesina e i tour operator associati si attengono scrupolosamente agli avvisi pubblicati sul sito Viaggiare Sicuri , in costante aggiornamento»: con una nota ufficiale l'associazione dei tour operator spiega la posizione e le iniziative degli to associati che programmano la Repubblica Popolare Cinese. Ciascuno di questi si è «da subito attivato per fornire assistenza alle agenzie di viaggio e ai clienti che hanno acquistato un pacchetto turistico per la Cina, colpita dall'emergenza sanitaria "coronavirus". «I tour operator Astoi, a seconda del tipo di viaggio e della data di partenza, stanno gestendo le richieste dei clienti offrendo soluzioni a loro tutela. Ai clienti che avevano già effettuato prenotazioni per viaggi imminenti verso le aree interessate vengono proposte destinazioni alternative, qualora si tratti di partenze future a medio/lungo termine, i clienti vengono invitati ad attendere l'evolversi della situazione. Al contrario di chi ha acquistato un viaggio attraverso canali diversi dal turismo organizzato, i clienti dei tour operator, anche attraverso le agenzie di viaggio, stanno ricevendo tutta l'assistenza necessaria. Proprio in questi casi sono evidenti e tangibili le differenze circa il tipo di tutela offerta dai tour operator. Si sono verificate cancellazioni ed è avvenuto un comprensibile calo di preventivi e di richieste per partenze e viaggi in Cina. Trattandosi di un fenomeno in continua evoluzione, Astoi e i propri associati continuano a monitorare la situazione tramite gli organi ufficiali, i corrispondenti e i rappresentanti locali».

Confturismo
«Confturismo sta monitorando economici ed i disagi per i con molta attenzione la viaggiatori», situazione, in collaborazione con l'organizzazione europea Aiav dei tour operator e agenzie di viaggio Ectaa. In un contesto in L'Aiav, guidata da Fulvio continua evoluzione, per ora Avataneo, punta ad un'azione l'effetto di questo evento sul unitaria di tutto il sistema turismo italiano è significativo, associativo del turismo, seppure circoscritto. Questo Pensiamo che questo possa nonostante la disposizione del essere il metodo migliore per ministero del turismo e della affrontare l'emergenza, a meno cultura cinese che da lunedì che proprio in quel tavolo scorso ha bloccato tutti i viaggi comuni non si inizi a litigare per organizzati di turisti cinesi verso eccessivo protagonismo delle l'estero, allargando quindi di varie parti, vediamo cosa dice molto il perimetro delle misure Aiav. di sicurezza rispetto alla sola «Abbiamo invitato i provincia di Hubei».«I danni economici per il settore in Italia saranno calcolabili in funzione della durata degli effetti dell'epidemia e del conseguente blocco dei flussi turistici cinesi.E' di tutta evidenza che la situazionecambierebbe molto in presenzadi un quadro di riferimento diverso, quello di una vera e propria pandemia, vale a dire del rapido diffondersi del virus tra stati e continenti. bisogna concentrarsi sui flussi turistici da e per la Cina e gli operatori coinvolti - dell'intermediazione turistica, della ricettività, del trasporto aereo ecc. - messi a confronto con un fatto del tutto imprevedibile, stanno gestendoda giorni i rappoeti con clienti e fornitori individuando soluzioni atte a minimizzare i danni economici ed i disagi per i viaggiatori.

AIAV
L'AIAV, guidata da Fulvio Avataneo, punta ad un'azione unitaria di tutto il sistema associativo del turismo. Pensiamo che questo possa essere il metodo migliore per affrontare l'emergenza, a meno che proprio in quel tavolo comune non si inizi a litigare per eccessivo protagonismo delle varie parti, vediamo cosa dice AIAV. «Abbiamo inviato i rappresentantidi Fiavet; FTO, Aidit, Assoviaggi e ASTOI ad indire rapidamente un tavolo congiunto che stabilisca linee comuni efficaci ed etiche, coerenti con i principi di leggi e con auanto definito dall'Organizazzione Mondiale della Sanità , oltre che trasparenti verso il cliente finale - dice Aiav in una nota - . Ci auguriamo che tutte le sigle accettino l'invito a collaborare urgentemente al fine di poter fornire risposte chiare e condivise a tutti i viaggiatori».

FIAVET
Fondamentale il ruolo delle agenzie
La presidente Fiavet Ivana Jelinic parla della questione coronavirus mettendo in evidenza il ruolo fondamentale delle agenzie di viaggio. «E' primario, sopratutto in casi come questi, affidarsi a professionisti. Evitare quindi l'iniziativa personale che, sopratutto in situazioni emergenziali, espone a rischi notevoli». L'assenza di una assicurazione, aggiunge la Jelinic può diventare un problema reale per un Paese come la Cina, dove la sanità è quasi interamente a pagamento. «In questi casi il ruolo delle agenzie di viaggio è veramente essenziale. Il motivo è semplice, infatti le agenzie offrono ai clienti maggiori garanzie, che vanno dalle coperture assicurative alle informazioni in tempo reale sulla situazione che, ricordiamolo, si evolve di giorno in giorno». E' senza dubbio un consiglio sensato che sarebbe opportuno seguire a puntino. 
  
Fonte = TRAVEL QUOTIDIANO 05/03/20