Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
TRAVEL QUOTIDIANO - Astoi: le prenotazioni crescono anche nel 2019 ma serve più flessibilità

TRAVEL QUOTIDIANO - Astoi: le prenotazioni crescono anche nel 2019 ma serve più flessibilità

01 Luglio 2019

Boom del Mar Rosso, conferma del Giappone, l’ever green delle isole italiane, nonché lo sviluppo di nuove mete e una sempre maggiore flessibilità, così da venire incontro alle esigenze  di viaggiatori che accorciano le proprie vacanze estive per permettersi più viaggi durante il resto dell’anno. Ma soprattutto prenotazioni in crescita del 5%-10%rispetto allo stesso periodo del 2018.

E’ la fotografia del tradizionale monitoraggio Astoi alla vigilia della stagione più calda dell’anno. Un fermo immagine che restituisce uno scenario di crescita per nulla scontato, visto che a un primo trimestre scoppiettante, in termini di volumi di prenotazione per l’estate, è seguito un forte rallentamento ad aprile e maggio. Uno stop causato dal boom delle vacanze primaverili di Pasqua e Ponti, ma anche dal brutto tempo e dalle elezioni politiche europee.

I dati Astoi evidenziano inoltre che la durata delle vacanze va oggi dai classici sette giorni a un massimo di 13: gli italiani, in altre parole, preferiscono diluire i viaggi in più periodi dell’anno. Cresce tuttavia al contempo l’apprezzamento del pubblico per le politiche di advance booking, che hanno generato ottimi risultati soprattutto nei primi tre mesi dell’anno. 

Disaggregando le cifre per destinazioni, si scopre quindi che in Italia i soggiorni mare premiano per l’ennesima volta Sardegna, Sicilia, Puglia e Calabria, ma piacciono anche le città come Venezia, Firenze e Roma. In Europa hanno ottenuto poi grande consenso i tour in Bulgaria (Plovdiv è capitale della Cultura europea per il 2019 insieme a Matera, ndr), Russia e Serbia. Bene anche Germania, Irlanda e Gran Bretagna. La Grecia non ha mostrato cambiamenti significativi rispetto alle estati passate, la Spagna ha sempre una buona richiesta ma in calo rispetto allo scorso anno a causa di prezzi più alti.

Il medio raggio ha visto inoltre la ripartenza della Turchia e, dal punto di vista dei soggiorni balneari, la Tunisia; si riconferma quindi l’alta richiesta per il Mar Rosso egiziano, ormai in forte ripresa da oltre un anno. 

Il lungo raggio conferma l’alta domanda di destinazioni come gli Stati Uniti, tour dei parchi in particolare, e il Giappone. Il relax nei mari lontani non è invece più una tendenza esclusivamente invernale: agli italiani piace abbronzarsi anche in estate nell’Oceano Indiano specialmente a Zanzibar, in Kenya, Madagascar e Maldive, ma pure sulle spiagge della Malesia. Buona la richiesta di tour di scoperta, abbinati al relax, per mete come il Sud Africa con estensione Mauritius e Seychelles. Al contrario, le destinazioni dove si sono rilevate flessioni nella domanda sono Messico, Sri Lanka e Caraibi (Repubblica Dominicana esclusa).

Per quanto riguarda infine le crociere, queste muovono tanti passeggeri nel Mediterraneo Orientale, nelle capitali baltiche e nel Nord Europa.

«Abbiamo assistito a una trasversale domanda di flessibilità – commenta il presidente di AstoiNardo Filippetti -. Anche molti soci che operano con voli charter stanno infatti modificando la propria offerta per andare incontro alle esigenze dei consumatori. A livello di destinazioni vediamo alcune riconferme, ma è nostro dovere essere capaci di ricercare e proporre nuove mete. Alcuni associati hanno investito sull’Oriente, altri stanno studiando e valutando Africa Australe e Americhe. Siamo attenti alla geografia così come alle tendenze; in questo senso è opportuno leggere i dati, in crescita, del segmento giovani, il bacino 15-35 anni che si muove secondo ampie coordinate: dai soggiorni per imparare l’inglese al divertimento dopo la maturità, ai viaggi che aggregano single».

 

Fonte = TRAVEL QUOTIDIANO 01/07/19