Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
Travel Quotidiano - Alitalia si accorda con Lottomatica. Le agenzie di viaggio si ribellano.

Travel Quotidiano - Alitalia si accorda con Lottomatica. Le agenzie di viaggio si ribellano.

01 Marzo 2012


Una parola chiara - Roberto Corbella: «Sono convinto che si tratti esclusivamente di un'azione di marketing»

Una specie di bufera. Oppure una bufera in un bicchiere d'acqua. Ancora non si è capito bene. Sta di fatto che il caso Alitalia-Lottomatica, ha messo in fibrillazione il settore della distribuzione. Ma andiamo per ordine. Qualche giorno fa Alitalia annuncia con tanto di nota stampa, l'accordo con Lottomatica. Leggiamo qualche passo: «Alitalia e Lottomatica Italia Servizi hanno sottoscritto un accordo che prevede la possibilità per i clienti di acquistare i biglietti Alitalia nelle ricevitorie Lottomatica e di ottenere biglietti aerei a condizioni molto vantaggiose attraverso la nuova formula "Evento + Volo"». Dopo che il comunicato ha fatto il giro dell'etere sono arrivate le dure prese di posizioni delle associazioni di categoria delle agenzie di viaggio.

Fortunato Giovannoni, neo presidente di Fiavet nazionale, scrive: «Restiamo sbalorditi nel constatare che la nostra compagnia di bandiera promuove la distribuzione del proprio prodotto presso le ricevitorie Lottomatica. La nuova dirigenza Alitalia è ricaduta nell'errore già commesso dalla vecchia gestione di sottovalutare il peso delle imprese dell'intermediazione turistica lo smantellamento della principale rete di vendita, come è quella rappresentata dalle agenzie di viaggi, è uno sbaglio che ha già provocato nel tempo conseguenze di rilievo nella sorte della compagnia». Giovannoni non è l'unico. Altre associazioni si aggiungono al coro di protesta, tanto che Alitalia si trova costretta a specificare le modalità dell'accordo con Lottomatica per bocca del direttore vendite, distribuzione e customer care di Alitalia, Marco Sansavini: «I timori della agenzie di viaggio, in relazione all'accordo tra Alitalia e Lottomatica sono immotivati. Le ricevitorie Lottomatica non rappresentano infatti un canale distributivo alternativo alla rete agenziale: non sarà possibile acquistare un biglietto presso le ricevitoma semplicemente effettuare il pagamento del biglietto già prenotato attraverso i canali esistenti. Sul fatto che la politica distributiva di Alitalia sia principalmente fondata sulle agenzie di viaggio sono i fatti a parlare: il 75% delle vendite di Alitalia viene effettuato dalle agenzie di viaggio». Alla fine arriva addirittura una lettera aperta all'amministratore delegato di Alitalia del vice presidente vicario con la delega ai trasporti di Fiavet nazionale. Massimo Caravita. In questa comunicazione Caravita, sottolinea l'incomprensione fra la distribuzione e Alitalia, e poi continua elencando i veri punti cruciali sui quali Alitalia, secondo Caravita, sarebbe tenuta a dare qualche delucidazione. Vediamo quali sono: improprio utilizzo Adm; inammissibilità del contratto di mandato Alitalia rispetto al generale mandato lata; esclusione della rete agenziale nella comunicazione istituzionale di Alitalia.

In tutto questo polverone, la parola più chiara l'ha detta il presidente di Astoi, Roberto Corbella, che raggiunto al telefono ha dichiarato: «La cosa che mi lascia perplesso è lo strumento utilizzato. Infatti questa di Alitalia è una iniziativa difficile da comprendere, anzi vorrei sapere secondo quali analisi di mercato hanno messo in piedi questa iniziativa, di certo non sono preoccupato. L'accordo non sottrarrà traffico alle agenzie di viaggio. Di questo sono sicuro, come sono sicuro che si tratta esclusivamente di un'iniziativa di marketing». - di Giuseppe Aloe

Visualizza l'articolo:
{phocadownload view=file|id=1223|target=s}