Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO -La carica degli «scontenti»

LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO -La carica degli «scontenti»

09 Agosto 2020

ROMA. Le nuove misure aiutano, ma la crisi è ancora profonda e bisogna fare di più. Il decreto agosto viene accolto con un misto di favore e delusione. A partire dai commercianti, che chiedono di recuperare il bonus consumi. Mentre cresce la preoccupazione dei sindacati, con la Uil che lancia l'allarme: c'è il rischio che scoppi un «conflitto sociale». Con questo provvedimento viene «sconfitta la logica del licenziamento libero», dice all'Ansa il segretario generale della Uil Pierpaolo Bombardieri, ma la situazione che si vede parlando con gli operai e i commercianti è «molto pericolosa»: va tutelato il lavoro, avverte, perché «il conflitto sociale è dietro l'angolo, bisogna lavorare ancora per evitare che deflagri». Più cauta la Cgil, che apprezza le misure di sostegno al lavoro e chiede che ora si apra un confronto per lo sviluppo. La crisi è «profonda e serve una risposta più forte per sostenere settori a rischio chiusura del terziario», conferma il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli, che pur approvando alcune misure come la proroga degli ammortizzatori e la moratoria sui mutui, chiede altri interventi, a partire dal recupero delle iniziative per rilanciare i consumi come i bonus non previsti dal decreto. Proprio la mancanza del bonus consumi è accolta con rammarico dai ristoratori: «Ci aspettavamo di più», dice il presidente della Fipe Stoppani, tornando a chiedere «un segnale» per uno dei settori più danneggiati dalla crisi. Chiede di più anche Federalberghi, che apprezza le misure del decreto, ma avverte come restino «problemi importanti da affrontare»: servono più misure per le città orfane dei turisti stranieri, spiega il presidente Bernabò Bocca, e aggiustamenti sugli affitti. Una boccata d'ossigeno che non basta anche per Astoi Confindustria Viaggi che calcola un fabbisogno di 750 milioni per il turismo organizzato. Nel complesso manca una visione d'insieme per il settore, lamenta Federturismo, che definisce il decreto un «passo avanti» ma con ancora «molto da fare». Plaudono invece alla norma salvapertinenziali sia il sindacato balneari (Sib) sia Federbalneari, che chiedono che ora si proceda con la riforma dei canoni concessori. Il bonus ristorazione piace a molti, da Coldiretti a Confagricoltura, da Filiera Italia a Federcuochi. Plaude alle misure a sostegno dell'editoria l'Fnsi. Giudizio negativo invece da Confedilizia, delusa dalle misure per il comparto immobiliare. Critiche arrivano dall'opposizione, con l'affondo di Salvini contro le «bugie» del Governo: «per le imprese c'è veramente troppo poco e c'è l'incubo mutui». Da Forza Italia Bernini vede più ombre che luci e Tajani ci legge un tentativo di non perdere le regionali. Dalla maggioranza invece Baretta (Pd) evidenzia l'incremento dei fondi per i Comuni; Crimi (M5s) plaude al Governo parlando di «passo per la ripartenza».

Fonte = LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO 09/08/20