Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
L'AGENZIA DI VIAGGI - La protesta delle agenzie di viaggi:  la cronaca da Piazza del Popolo

L'AGENZIA DI VIAGGI - La protesta delle agenzie di viaggi: la cronaca da Piazza del Popolo

04 Giugno 2020

Questa volta l’appuntamento è in Piazza del Popolo a Roma. Dopo le proteste in diverse città italiane, come Milano, Torino o anche Firenze, gli agenti di viaggi di tutta Italia raggiungo la Capitale e danno il via alla loro manifestazione nazionale per rivendicare aiuti concreti dal governo e rilanciare così il turismo, settore importantissimo per l’economia del Paese (13% del Pil).

Striscioni, megafoni, trolley. Le coreografie non mancano di certo, e tra una voce e un’altra si arriva fino alle 13.30, per l’appuntamento fissato al Mibact e che vede coinvolta una delegazione di agenti, tra questi Enrica Montanucci, portavoce del comitato Maavi e del movimento #nonsmetteremodiviaggiare.

Oltre mille gli adv a Roma (nove i pullman in partenza da ogni zona d’Italia e circa 600 quelli che hanno optato tra treno e macchina), sostenuti da Fto, in piazza con il suo presidente Luca Patanè (a capo anche di Confturismo), il direttore nazionale Gabriele Milani e il consigliere Antonella Ferrari, tra l’altro alla direzione della rete agenzie di Gattinoni Mondo di Vacanze.

«Basta con la paura: non si può fare turismo con i distanziamenti. Cambiamo queste regole o rischiamo di chiudere tutti – dichiara Patanè – Nel decreto Rilancio che la Camera sta analizzando ci deve essere spazio per aggiungere risorse per il turismo subito. Inoltre serve un nuovo provvedimento che si focalizzi esclusivamente sul nostro settore, con una prospettiva più ampia e maggiori fondi, provenienti anche dai finanziamenti europei».

Grossa preoccupazione anche per Ernesto Mazzi di Fiavet Lazio: «Le hanno i dipendenti, i titolari, il momento è questo. C’è tutta una serie di richieste che vanno dall’aumento degli investimenti a fondo perduto fino a tutto quello che è necessario per sostenere un’impresa che è totalmente ferma. Ci potrebbero essere anche aiuti, poi, che per lo Stato potrebbero essere a costo zero se si facesse chiarezza su quello che sarà il percorso per la riapertura dei viaggi d’istruzione, tema molto interessante che peraltro è riguarda il primo comparto a essersi fermato».

«Siamo qui come agenti di viaggi, gente che ama il proprio lavoro e il turismo. Siamo qui a trasmettere la nostra vicinanza ai colleghi», dichiarano Luca Caraffini e Dante Colitta di Geo Travel Network (QUI IL VIDEO).

In prima linea anche Assoviaggi e Aidit, con Astoi che ha offerto il suo supporto via social. Presente Fiavet Lazio, al contrario di Fiavet Nazionale, che ha giustificato la sua assenza con un videomessaggio della presidente Ivana Jelinic.

Fonte = L'AGENZIA DI VIAGGI 04/06/20