Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
IO DONNA - IDEE PER GIRAMONDO

IO DONNA - IDEE PER GIRAMONDO

09 Novembre 2019

In grande aumento la voglia di viaggiare. Le mete più richieste? I mari del Sud e le vacanze sostenibili. E chi prenota prima spende meno...

 Di Ornella D’Alessio

 Italiani viaggiatori, sempre con la valigia pronta, o quasi.  «Rispetto al 2018,  il volume delle richieste in agenzia è cresciuto del cinque per cento» afferma Nardo Filippetti, presidente Astoi Confindustria Viaggi. In più, chi prenota prima ha più scelta e spende meno; in gergo  questa formula si chiama advance booking, ed effettivamente «le prenotazioni per il fine anno 2019 sono partite dall'estate con ritmi intensi» precisa Filippetti.  

 Quali sono le previsioni per le prossime vacanze?

Si riconferma positiva la domanda degli italiani anche per le vacanze di Natale, Capodanno ed Epifania anche se è ancora presto per delineare un bilancio definitivo.


 Le destinazioni più richieste?

Dall'osservatorio Astoi Confindustria Viaggi arrivano le prime previsioni sulle mete più ambite per le prossime vacanze balneari, che oscilleranno trai 6 e i 14giorni, mentre la richiesta per le settimane bianche è in leggero ritardo. Vanno forte le Maldive e il Mar Rosso egiziano, tengono la Thailandia e l'isola di Mauritius, e sono in ripresa la Repubblica Dominicana e Cuba. Per quanto riguarda i tour crescono le richieste per l'Indocina, il Myanmar, il Vietnam, mete perfette anche per le viaggiatrici solitarie, il Brasile, gli Stati Uniti, il Giappone, il Sudafrica e Dubai. In leggera caduta il Cile, per la situazione politica, le Canarie, il Messico. Le grandi capitali europee attraggono meno del Grande Nord, anche per la crescente febbre da aurora boreale, e delle città russe. Il vero interesse si concentra sui viaggi esperienziali, quelli in cui più che la meta conta l'esperienza vissuta da protagonisti. I pacchetti più richiesti sono quelli di target alto, con un aumento della spesa media del cinque per cento.

Un dato interessante emerge dall'Ufficio Studi Enit per quanto riguarda le frontiere della sostenibilità, alla quale fa caso soprattutto la Generazione Z: il 54 per cento dei giovani viaggiatori desidera fare volontariato in vacanza, come spiegano, e l'86 per cento dei viaggiatori globali sarebbe disposto ad impegnarsi in attività che contrastano l'impatto ambientale del loro viaggio, come prenotare soggiorni più ecologici e aiutare a pulire le spiagge.

 L'atteggiamento dei consumatori è quindi positivo?

Questi dati, anche se ancora parziali, mostrano fiducia verso tour operator e agenti di viaggio, anche perché i consumatori sanno di poter trovare consulenza, assistenza e garanzie. Grazie alla capacità di ascolto dei bisogni messa in campo da questi professionisti, il cliente è affiancato nella scelta della propria vacanza ideale, che non avviene mai considerando solo il prezzo.

 Il lavoro delle agenzie di viaggi è in crescita?

Continua l'impegno di Astoi come Associazione di categoria a investire sulla propria campagna di comunicazione per sensibilizzare i viaggiatori italiani sull'importanza di affidarsi a chi svolge questo mestiere con cura e professionalità e per diffondere una maggiore conoscenza dei vantaggi legati all'acquisto attraverso il canale del turismo organizzato.

 

Fonte = IO DONNA 09/11/19