Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
Il Giornale dell Umbria - La Costa risarcirà i naufraghi: da 11 a 14mila euro a passeggero

Il Giornale dell Umbria - La Costa risarcirà i naufraghi: da 11 a 14mila euro a passeggero

29 Gennaio 2012

L'accordo riguarda solo le persone che non hanno subito danni fisici

Il relitto della Costa Concordia ROMA - Accordo raggiunto tra le Associazioni nazionali dei consumatori e la compagnia Costa Crociere per l'indennizzo ai passeggeri dopo il naufragio della nave Concordia al Giglio. Il tavolo di conciliazione tra i rappresentanti dei Consumatori e Costa Crociere, organizzato da Astoi Confindustria, ha indicato un rimborso forfettario di 11.000 euro a persona a titolo di indennizzo, a copertura di tutti i danni patrimoniali e non subiti, nel naufragio della Concordia da ogni passeggero, compresi i bambini. In una nota diffusa da Astoi si precisa che «l'im porto forfettario concordato a titolo di risarcimento è superiore ai limiti risarcitori previsti dalle convenzioni internazionali e dalle leggi vigenti. Tale importo verrà riconosciuto indipendentemente dall'età del passeggero, considerando anche i bambini, sebbene non paganti. Costa si è impegnata altresì a non dedurre, da tale cifra, quanto eventualmente percepito dai clienti per rimborsi assicurativi legati a polizze individualmente stipulate».

La proposta di risarcimento concordata ovviamente non riguarda le famiglie delle vittime ed i passeggeri feriti. Per costoro l'indennizzo terrà conto della gravità del danno subito dai singoli individui. «Il rimborso reale potrà poi raggiungere i 1415mila euro - spiega Adiconsum - Oltre al rimborso forfettario di 11mila euro previsto dall'accordo le altre voci come il rimborso integrale del valore della crociera; il rimborso dei transfer aerei e bus; il rimborso totale delle spese di viaggio sostenute per il rientro; il rimborso di eventuali spese mediche sostenute; il rimborso delle spese sostenute durante la crociera potrebbero arrivare ad un importo di 3-4mila euro aggiuntivi, dipende dalle varie indennità assicurative».

Visualizza l'articolo:
{phocadownload view=file|id=1106|target=s}