Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
GUIDA VIAGGI - Pier Ezhaya, Astoi: “A rischio il 75% dei ricavi”

GUIDA VIAGGI - Pier Ezhaya, Astoi: “A rischio il 75% dei ricavi”

04 Maggio 2020
L’intervento del consigliere sulla situazione del comparto, che rischia di perdere 14 miliardi di euro sui 20 circa generati ogni anno. L’associazione chiede al governo sussidi a fondo perduto.

Sono drammatiche le cifre stimate sulla perdita di ricavi per il comparto del turismo organizzato diffuse da Pier Ezhaya qualche giorno fa intervenendo alla trasmissione “Piazzapulita” su La7: "La previsione più ottimistica dice che quest’anno perderemo il 75% dei ricavi, dato che significa 9 dodicesimi del nostro conto economico. Il turismo organizzato – che comprende tour operator e agenzie di viaggi – ha un fatturato di 20 miliardi di euro e rischiamo di perderne 14 o 15. Nessun settore può reggere ad un urtosimile”.

Descrivendo il settore, Ezhaya ha ricordato che “è già fragile patrimonialmente, un problema strutturale, ma genera un forte indotto, considerando che ogni 100 euro spesi nel turismo ne vengono generati altri 87 nei settori che gli stanno intorno”.

Sulle iniziative associative per chiedere sostegno al governo dichiara: “Noi abbiamo fatto tavoli di lavoro con il governo e con il Mibact, abbiamo parlato con le forze politiche e la nostra sensazione è un po’ quella del ballo della scuola, dove tutti dicono che sei carino ma nessuno ti invita a ballare. Non ci si è resi conto dell’urgenza. Questo settore non collasserà a settembre ma a giugno”.

Un problema di assenza di cash flow: “Noi siamo a ricavi zero da due mesi – ha aggiunto Ezhaya – e purtropopo il turismo è ciclico. E’ come se fossimo già a luglio”.

Una proposta concreta fatta da altri Paesi “e che abbiamo chiesto anche noi – conclude il consigliere Astoi, ricordando anche i 48 voli approntati dai tour operator per rimpatriare i clienti e sostenuti dalle aziende senza aiuti – è quella di creare un fondo sostegno per mancati ricavi. La parola fondo perduto non dobbiamo avere paura di usarla”.

Fonte = GUIDA VIAGGI 04/05/20