Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
GUIDA VIAGGI - Filippetti su Alitalia: forte preoccupazione da parte di tutta la filiera

GUIDA VIAGGI - Filippetti su Alitalia: forte preoccupazione da parte di tutta la filiera

28 Novembre 2019
Patuanelli: la nazionalizzazione può non essere un evento negativo

Le recenti dichiarazioni su Alitalia da parte del Governo confermano purtroppo una situazione ancora di grande incertezza e stallo. In particolare, la mancanza di chiarezza e di informazioni certe genera forte preoccupazione da parte di tutta la filiera. Questo 'balletto' di soluzioni, a volte a dir poco estemporanee, sembra essere lo specchio della stessa situazione in cui versa la politica italiana". Parola di Nardo Filippetti, presidente Astoi Confindustria Viaggi.

Il manager ha poi proseguito: "Auspichiamo che 'la soluzione di mercato' continui a rimanere sul tavolo, permettendo ad Alitalia, con i necessari sacrifici, di garantire continuità operativa e di tornare ad essere un'azienda competitiva sul mercato, grazie ad un nuovo e serio piano industriale. Qualora dovessero prefigurarsi soluzioni come la liquidazione o il c.d. 'spezzatino', ci auguriamo che il Governo possa fornire un’adeguata garanzia finanziaria". Filippetti ha poi sottolineato: "Il tema dell’introduzione, a livello comunitario, di una copertura per fallimento o insolvenza a carico dei vettori diventa sempre più attuale. Ricordiamo che, ad oggi, solo i tour operator e le agenzie di viaggi sono obbligati ad offrire ai clienti questo tipo di garanzia, e ciò in virtù di una direttiva europea. Evidenziamo quindi con forza l’opportunità e l’urgenza dell’adozione della stessa misura per i vettori aerei”.

Nel frattempo il ministro dello Sviluppo, Stefano Patuanelli, a Circo Massimo ha detto: "La nazionalizzazione di Alitalia può non essere un evento negativo. Il problema è: la politica sarà in grado di individuare manager in grado di guidare l'azienda o solo manager trombati dalla politica?". Il percorso per rilanciare la compagnia, ha spiegato, potrebbe essere quello "di fare una struttura commissariale che abbia come obiettivo la ristrutturazione e poi la remissione sul mercato o la nazionalizzazione". Ma prima di tutto "bisogna agire fortemente sulla componente costo".

Fonte = GUIDA VIAGGI 28/11/19