Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
CORRIERE DELL'UMBRIA - I tour operator contro il governo

CORRIERE DELL'UMBRIA - I tour operator contro il governo

11 Luglio 2020

di Andrea Capello ROMA Astoi Confindustria Viaggi va all'attacco del governo reo di aver disatteso "ogni aspettativa" del comparto tour operating che "da cinque mesi" chiede "interventi urgenti e concreti per lasopravvivenza di queste imprese". Una dura presa di posizione giunta quasi al terminedell'iter di conversione di legge del dl Rilancio. "Si può dire senza tema di smentita, che ogni aspettativa è stata disattesa e l'impressione è che non vi sial'intenzione di salvaguardare un comparto e buona parte delle 80 mila famiglie che vi lavorano", tuona Astoi. Secondo l'associazione dei tour operator "il più completo disinteresse per il turismo organizzato è ormai evidente e tangibile». Un ingranaggio importante di un settore che «non è fatto solo di alberghi e stabilimenti" ma è una "filiera complessa" che"rappresenta il 13% del Pil nazionale". Astoi parla apertamente di "delitto perfetto". Da un lato "nessun aiuto reale alle imprese del comparto in termini economici", dall'altro "si impedisce di fatto che queste imprese si salvino da sole riprendendo la propria attività, visto che, Italia a parte, i corridoi turistici rimangono chiusi e, per quelli aperti, vienedispostala quarantena al rientro". Una situazione davanti alla quale i rappresentanti della categoria chiedono "al presidente del Consiglio Giuseppe Conte e al Ministro Dario Franceschini di agire subito mettendo in campo misure atte ad evitare il tracollo del sistema". A tal proposito Astoiavanza proposte a partire dall'incremento del fondo dedicato a tour operator e agenzie di viaggio passando per il prolungamento della cassa integrazione in deroga fino a dicembre 2020. Riguardo al bonus vacanze, invece, l'associazione lamenta "evidenti risultati discriminatori" dovuti alla mancata presa in considerazione dell'estensione dello strumento anche ai pacchetti turistici Italia e, quindi reso utilizzabile direttamente da agenzie di viaggio e tour operator.

Fonte = CORRIERE DELL'UMBRIA 13/07/20