Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
TTG ITALIA - Astoi, si riparte da TTG  “Compattare la filiera”

TTG ITALIA - Astoi, si riparte da TTG “Compattare la filiera”

15 Ottobre 2020
La nuova squadra di Astoi si presenta a TTG Travel Experience. Un importante giro di boa che suggella quanto fatto fino ad ora e pone le basi per la ripartenza. “Stiamo lavorando a stretto contatto con il fronte istituzionale per cercare di intervenire su una situazione già estremamente compromessa dalla pandemia – ha rilanciato il neo presidente Astoi Pier Ezhaya -. Molto è già stato fatto a livello di associazione, ma molto resta da fare. E siamo in fiera oggi proprio per sottolineare la necessità di fare squadra e ripartire al più presto”.

Gli interventi per il settore
In questo senso, il presidente ricorda la difesa dei voucher per sostenere la liquidità delle imprese e il fondo stanziato per il settore, “una somma assolutamente insufficiente a coprire il reale fabbisogno delle imprese, ma pur sempre un primo segnale di disponibilità da parte del ministero”. Purtroppo non viene ancora percepito il livello di estrema urgenza che questo provvedimento dovrebbe avere, che dovrebbe portare al trasferimento immediato di liquidità nelle casse delle imprese per ridare fiato al comparto.
“Occorre compattare la filiera – aggiunge Ezhaya – e attuare sinergie fra associazioni di categoria per avere una voce unica nei confronti del Governo. La frammentazione oggi esistente fra le associazioni di categoria – ce ne sono 45-50 diverse – non giova sicuramente a instaurare un colloquio proficuo con le istituzioni”.

In attesa dei corridoi turistici
Fra i provvedimenti necessari da subito, aggiunge il vice presidente vicario di Astoi, Andrea Mele, “ci sono la necessità di ottenere nuovi sostegni a fondo perduto e l’apertura di corridoi, anche parziali, fra diversi paesi o regioni, mutuando l’esperienza fatta dai player crocieristici”.
E anche sul Bonus Vacanze, Mele ricorda come “sui 2,4 miliardi stanziati siano stati utilizzati 300-400 milioni. Potrebbe essere utile redistribuire il fondo ancora vacante – pari a circa 2 miliardi – sotto forma di credit tax”.

Quel che è certo è che il mercato turistico riemergerà profondamente mutato dalla crisi, con il turismo organizzato che uscirà a testa alta per l’assistenza garantita ai clienti in questi lunghi mesi di difficoltà. Un’assistenza che “Ha nella filiera organizzata un plus fondamentale – aggiunge il vice presidente Astoi, Marco Peci -. A questo proposito, la piattaforma Adv Overview curata da Astoi ha già registrato circa 8mila adv che aderiscono ai parametri richiesti dalla legge”.

Fonte = TTG ITALIA 15/10/20