Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
ALTO ADIGE - Il turismo cresce nonostante l'epidemia

ALTO ADIGE - Il turismo cresce nonostante l'epidemia

10 Febbraio 2020
Aperta la Bit. Tanti visitatori tra gli stand all'inaugurazione a FieraMilanoCity

La paura del viaggio blocca solo chi non parte mai. Se il settore turismo non nasconde da settimane le sue preoccupazioni per le ricadute dell'effetto coronavirus, un messaggio positivo è arrivato dagli operatori, i buyers e soprattutto dalla folla che ha invaso, come negli anni scorsi, FieraMilanoCity, dove si è aperta la Borsa Internazionale del Turismo. La 40/edizione di una delle rassegne del settore MILANO. più antiche è anche la prima organizzata da quando è scoppiata l'emergenza sanitaria causata dal virus che si è diffuso dalla Cina. Un test quindi per tutto il mercato e a conclusione della prima giornata i dati che emergono cominciano a fornire un quadro di quello che potrebbe accadere nei prossimi mesi. Prima di tutto i timori ci sono, ma prevale la speranza che tutto si risolva in breve tempo. In secondo luogo chi è abituato a viaggiare non rinuncerà a farlo, cambiando però destinazioni: secondo Astoi ci sarà un rallentamento delle prenotazioni verso i Paesi asiatici (oltre la Cina ovviamente già preclusa per il blocco dei voli), e aumenterà invece il flusso turistico verso Europa, Nord America, Africa. Terzo elemento l'invito a non esagerare con le ripercussioni economiche del mancato arrivo dei turisti cinesi in l'Italia che, come sottolinea Marco Peci di Astoi, 'resta un Paese gettonassimo dal mercato europeo, nordamericano e russò. «Il turismo è uno dei nostri asset fondamentali, siamo al 13% del Pil ed è importante essere qui oggi - ha detto Lorenza Bonaccorsi dopo il taglio del nastro della manifestazione -. Sappiamo che c'è preoccupazione da parte degli operatori del settore, ma il nostro Paese ha preso immediatamente tutte le precauzioni, il governo e al lavoro dal primo momento e domani ci sarà una riunione con tutti i ministri competenti per prendere ulteriori decisioni e anche misure per il comparto». «L'attesa è che tutto si risolva in tempi brevi», ha ripetuto l'ad di Fiera Milano Fabrizio Curci, mentre il direttore esecutivo di Enit Giovanni Bastianelli ha aggiunto «non siamo preoccupati ma concentrati perché il turismo è abituato a convivere con queste situazioni che non dipendono da noi, come i dissesti idrogeologici, la meteorologia...». 

Fonte = ALTO ADIGE 10/02/20