Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
News Turismo
Unwto, il 2014 anno record per il turismo mondiale

Unwto, il 2014 anno record per il turismo mondiale

23 Dicembre 2014
nitoraggio per macro-regioni, l area che ha fatto segnare gli incrementi più significativi risulta quella delle Americhe con un +8%, seguita da Asia-Pacifico con un +5% e dall Europa con +4%.

«Si tratta di numeri importanti  ha sottolineato Taleb Rifai, direttore generale dell Unwto  soprattutto in considerazione del fatto che in molte regioni del mondo sono in atto sfide sanitarie  ebola  e geopolitiche  Oriente  abbinate a una fragilità economica che spesso rappresenta un deterrente per il turismo. La crescita del settore nonostante tutto, è di buon auspicio anche per il prossimo anno. Ciò che va evidenziato è anche il crescente interesse mostrato da molti governi nazionali nelle politiche a favore del turismo che potranno generare benefici per tutta l industria».

Il dettaglio regione per regione

A determinare il buon andamento del turismo mondiale, secondo gli analisti dell Unwto Barometer, sono state le performance di determinate destinazioni per area: nelle Americhe, ad esempio, si è rilevato un forte incremento in alcune mete caraibiche, negli Usa e in Messico, mentre in Asia-Pacifico si è registrato un consolidamento di flussi turistici verso Giappone e Corea del Sud e un forte aumento in India (+7%) che hanno in buona parte compensato la debacle della Thailandia. Mentre in Oceania proseguono le buone performance di Australia e Nuova Zelanda (+2%).

Riguardo poi al Vecchio Continente, che rimane la regione del mondo più visitata, oltre al buon andamento di traffico nel Bord Europa si è aggiunta una buona ripresa nella crescita di destinazioni come Spagna, Grecia e Malta che hanno contribuito al raggiungimento del +7% nell intero bacino dell Europa mediterranea.

Più moderata, invece, la crescita in Medio Oriente (+4%) e in Africa (+3%): un risultato più che comprensibile se si tiene conto delle tensioni socio-politiche nella regione araba e delle emergenze sanitarie in alcuni Stati africani. Nel dettaglio, l'Europa ha accolto 590 milioni di viaggiatori Europa, l'Asia 270 milioni, le Americhe circa 180 milioni, l'Africa 69 milioni e il Medio Oriente 52 milioni. - Fonte: L'Agenzia di Viaggi sito web