Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
Turismo Italia News.it - Taglio delle sedi diplomatiche, operatori turistici perplessi per chiusura sede di Santo Domingo

Turismo Italia News.it - Taglio delle sedi diplomatiche, operatori turistici perplessi per chiusura sede di Santo Domingo

30 Settembre 2014


Non passa indenne la rivisitazione della mappa di ambasciate e consolati firmata dal governo Renzi. Una decisione che non piace completamente a chi con gli organismi internazionali del Bel Paese si trova a lavorare. Come ad esempio Astoi Confindustria, l associazione di categoria dei tour operator italiani che ha firmato una lunga nota inviata ad un altrettanta lunga serie di soggetti statali - Esteri in testa - con particolare riferimento alla chiusura dell ambasciata di Santo Domingo, nella Repubblica Dominicana, le cui competenze saranno girate ad un altra sede diplomatica nella regione. Fatto sta che proprio la Repubblica Dominicana non solo è stata scelta come Paese per vivervi stabilmente da migliaia di italiani, ma è anche meta di migliaia e migliaia di nostri connazionali per turismo. Al momento non risultano repliche da parte del governo o del ministero degli esteri.

La decisione di Palazzo Chigi riguarda oltre all ambasciata di Santo Domingo, anche quella di Tegucigalpa, in Honduras, e i vice consolati onorari di Reykjavik (Islanda) e Nouakchott (Mauritania), che già fanno riferimento alle ambasciate rispettivamente di Oslo (Norvegia) e Rabat (Marocco), oltre all accorpamento delle rappresentanze permanenti di Ocse e Unesco a Parigi.

Il ridisegno della rete diplomatica italiana è uno degli atti della spending review, che dovrebbe portare nel triennio ad un risparmio almeno un centinaio di milioni di euro, a cui si accompagna il taglio alle indennità di servizio degli ambasciatori all estero.