Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
Turismo e Attualità - L'Astoi del prossimo futuro

Turismo e Attualità - L'Astoi del prossimo futuro

18 Maggio 2010

Ai nastri di partenza un nuovo biennio Astoi sotto la presidenza di Roberto Corbella. Gli obiettivi: un'associazione sempre più forte e strutturata e in grado di fare lobby politica. Osservatorio, rapporti più stretti con l'Unità di Crisi per far fronte alle emergenze, richiesta forte di un Fondo di Garanzia, dialogo serrato con le associazioni dei consumatori tra conciliazione e prevenzione dei contenziosi

Un forte impegno sul fronte istituzionale, denunciando ancora una volta una mancata strategia Italia, e l'annuncio di una politica forte sul fronte associativo per rafforzare e delineare in modo più marcato il ruolo odierno di un'associazione di categoria nata, nel caso di Astoi. "come un club di membri amici per scambiarsi impressioni". E obiettivi chiari: realizzazione di un Fondo di Garanzia che tuteli filiera turistica e consumatori in caso di emergenze "sempre più quotidiane"; la costituzione di un vero e proprio Osservatorio dati che possa essere da guida ai soci Astoi nel varare strategie e prendere decisioni, grazie anche alla collaborazione con Demoskopea; rafforzamento del dialogo con le associazioni consumatori nell'ottica di prevenire il contenzioso; impegno sul rapporto to e agente di viaggi.

Sono alcuni dei punti chiave di quella che sarà l'agenda lavori del prossimo biennio di Astoi sotto la rinnovata presidenza di Roberto Corbella, affiancato da Flavia Franceschini, direttore. "Un 'associazione che si presenta - ha dichiarato il neo presidente- più organizzata e strutturata, più in linea con le esigenze del nostro settore, e che esce da un periodo non facile per l'emergere della crisi ancora strisciante". Gli impegni Astoi sono stati esternati e approfonditi dal presidente Corbella nel corso della 13° Assemblea Astoi in sede Confindustria a Roma nella parte pubblica "una occasione per confrontarci in maniera più allargata con altre realtà del settore e per ragionare di tematiche che interessano tutto il comparto". Momento che ha preceduto la parte privata nel corso della quale sono state espletate le operazioni di voto e del presidente e del nuovo consiglio direttivo.

Elezioni Astoi non un sistema bulgaro

II neo presidente, prima di affrontare i vari temi e di invitare i presenti e il settore" a guardare sempre avanti", si è dilungato sulla natura delle elezioni Astoi 2010 che lo hanno visto quale candidato unico, contestando alcune accuse di aver adottato un "sistema bulgaro". "Il risultato di oggi - ha voluto chiarire - è frutto da un lato della miaincoscienza e dell'opinione diffusa,a livello interno, della necessità dicontinuare un percorso iniziato inquesto biennio, ancora da completare,e che richiede un impegno temporale e difficilmente sostenibile da chi deve guidare in prima linea la propria azienda. In realtà, era stato assegnato ai probiviri, mutuando il sistema Confindustria, il compito di verificare e accogliere le candidature dei vari soci in assoluta piena libertà. Candidature che sono andate poi assottigliandosi. Sono stato anche definito il candidato dei " grandi soci", e su questo punto dichiaro che sono onorato di aver avuto la loro fiducia ma di ritenere un elemento di forza anche l'adesione all'associazione di aziende medie e piccole".

Chiarito il punto elezioni. Corbella ha sottolineato l'importanza della crescita dei soci. "A oggi i membri Astoi rappresentano il 75% del tour operating italiano, vogliamo crescere anche grazie all'aumento dell'attività legale e consulenziale che vogliamo offrire, allargando i nostri orizzonti agli enti del turismo, già ben rappresentati e con i quali possiamo confrontarci anche nei momenti difficili. E non è escluso lo sviluppo anche verso altre direzioni". Sul fronte associazione implementato il sito (www.astoi.it) che, nella parte riservata agli associati, riceve un gran numero di visite e che oggi si rivolge anc