Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
Turismo & Attualità - Franceschini, botta e risposta

Turismo & Attualità - Franceschini, botta e risposta

18 Ottobre 2014


Complementarietà e stretto legame tra turismo e cultura, Fondo di Garanzia, Titolo V, risorse per la promozione, ruolo del digitale "per colmare ritardi", apertura di un tavolo con le associazioni di categoria, "considerazione" per il mondo del tour operating. Questi i temi e i "proiettili" ai quali ha dovuto rispondere il Ministro Turismo e Cultura Franceschini in apertura del TTG Incontri 2014. Piena disponibilità nell'ascoltare e replicare a tutte le istanze venute dal mercato del turismo e raccolte nei giorni precedenti alla fiera. Di fatto non sono emerse grandi novità a parte l'annuncio di incentivi per progetti di digitalizzazione anche per tour operator italiani "per difenderli anche da colossi esteri", e l'ok all'apertura di un tavolo di lavoro con le associazioni di categoria, in primis
Astoi, per dare vita a uno scambio su tanti temi relativi anche alle imprese che vendono l'estero. Franceschini ha ribadito fortemente l'importanza del legame cultura e turismo sottolineando come il nostro patrimonio artistico, creatività, musei in fase di rinnovamento siano un grande attrattore turistico.

"Fino ad oggi si è molto parlato di tutela del patrimonio e molto poco di valorizzazione  ha evidenziato. "La scelta legislativa di accorpare i due comparti è stata sacrosanta, fino ad oggi il settore Turismo ha peregrinato da una situazione all'altra impoverendosi. Per quanto mi riguarda, mi sono sentito chiamato alla guida di questo dicastero riconoscendone la forza economica. E' importante lavorare sulle nostre competitività. Da indagini recenti arte, enogastronomia e made in Italy sono le motivazioni principali del viaggio in Italia e noi possediamo tutte e tre le chiavi". Il ministro è tornato sul discorso della necessità di agire come sistema nazionale. "In attesa della Riforma del Titolo V bisogna intanto anticipare i tempi, creare sinergie e collaborazioni con le regioni in modo intelligente e l'Enit per prima deve sapere trovare questa strada e anticipare il nostro futuro". Risorse, come sempre poche, quindi difficile capire come il discorso del Fondo di Garanzia, oggi assolutamente insufficiente, e la questione emergenza, potrebbero evolversi, mentre per la promozione Franceschini ha di nuovo invitato a condividere e ottimizzare le risorse economiche delle varie Regioni che non sono poche. In attesa di verifiche e fatti.

Visualizza l'articolo:
{phocadownload view=file|id=3472|target=s}