Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
TTG Italia - Sempre al fianco degli operatori

TTG Italia - Sempre al fianco degli operatori

21 Ottobre 2014


Negli obiettivi del Ministero, il fatto che l Italia torni a essere primo bacino emissore in breve tempo

"In Egitto il settore ha sofferto per quasi quattro anni ma finalmente si vedono i primi risultati positivi, anche grazie al lavoro fatto dagli operatori italiani". Con queste parole Hisham Zaazou, ministro del Turismo dell'Egitto, intervenuto alla conferenza stampa di apertura di TTG Incontri 2014, di cui l'Egitto è stato Partner Country, ringrazia l'industria dei viaggi italiana. "Dopo le ultime elezioni il Governo si sta impegnando molto per cercare di far crescere i flussi e mantenere la crescita", aggiunge il ministro egiziano.

Le cifre del resto parlano chiaro: lo scorso mese di agosto ha fatto registrare un milione di arrivi, contro i 300mila dello stesso mese del 2013. Sull'arco dell'intero terzo trimestre 2014, invece, i turisti internazionali sono stati 3,6 milioni, nei fatti quadruplicati rispetto al 2013. Nel giro dei prossimi anni, poi, gli obiettivi del Paese non intendono rallentare: le entrate derivanti dal mercato turistico, secondo le stime tracciate da Zaazou, sono destinate a incrementare. "Per il 2020 puntiamo ad arrivare alla soglia dei 25 milioni di arrivi stranieri e aumentare le entrate generate dall'inbound nazionale, fino a raggiungere i 25 miliardi di dollari - spiega nel dettaglio il titolare del dicastero - contro i 12 attuali".

In tutto questo il mercato trade della Penisola avrà un ruolo da protagonista: "Ringrazio Luca Battifora, presidente di Astoi, per l'impegno dimostrato dal settore, che sta continuando a credere nell'Egitto e nei nostri prodotti - sottolinea Hisham Zaazou -. Confido anche in una crescita dell'economia italiana: quando l'Italia va bene anche l'Egitto va bene". Una conferma che arriva anche dal direttore dell'Ente del Turismo in Italia, Mohamed Abd El Gabbar: "Vogliamo che l'Italia torni a essere il primo bacino emissore".

Visualizza l'articolo:
{phocadownload view=file|id=3468|target=s}