Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
TTG Italia - «Senza un fondo emergenze Astoi non garantisce assistenza»

TTG Italia - «Senza un fondo emergenze Astoi non garantisce assistenza»

21 Maggio 2010

L associazione dei t.o. ripropone l idea di una tassa da 50 centesimi a biglietto a sostegno del settore. Questo l aut aut lanciato da Roberto Corbella, appena riconfermato alla presidenza

In uno dei momenti più difficili per i t.o. italiani, le redini di Astoi restano in mano a Roberto Corbella. Unico candidato alla presidenza, Corbella è stato confermato alla guida dell associazione che rappresenta il 75 per cento del settore del tour operating. Tra i primi impegni in agenda, la costituzione di un fondo di garanzia per le emergenze. Una questione all ordine del giorno, visto il caso del vulcano islandese e le vicende politico-finanziare di mete di primo piano come Grecia e Thailandia.

 Oggi - afferma Corbella  le emergenze sono diventate la quotidianità. Secondo le nostre stime,negli ultimi dieci anni i soci hanno speso 100 milioni di euro per i costi aggiuntivi derivati dalle situazioni di emergenza . Solo a causa della nube di cenere che ha causato il recente blocco dei cieli,il costo per gli associati è stato di 20 milioni di euro. Questa cifra - specifica il presidente  non considera la perdita derivante dai viaggi annullati o rinviati .

Per il presidente Astoi, oggi ci troviamo a non poter garantire la stessa assistenza anche in futuro. Non perché manchi la volontà, ma perché non riusciremmo ad affrontare le crisi in modo autonomo, anche a livello economico, come fatto fino ad oggi . La proposta di Astoi, già portata all attenzione delle autorità competenti, è quella di recuperare dalla biglietteria aerea 50 centesimi di euro a transazione, per un totale di 50 milioni di euro ogni anno.

In assenza di risposte dal Governo, attorno al progetto del fondo di garanzia si sono strette anche le rappresentanze dei consumatori con cui, a breve, Astoi firmerà un protocollo d intesa che prevederà anche il ricorso alla conciliazione in caso di contenzioso con i clienti, in modo da  ridurre i tempi delle procedure ma anche gli oneri, sia per i cittadini che per le aziende rimarca Corbella.

Ma i consumatori non sono l unico fronte sul quale il presidente intende aprire un dialogo. La crisi c è - aggiunge  e allora bisogna confrontarsi . In primo luogo con le agenzie di viaggi, con cui i rapporti sono già stati avviati. Ma, precisa Corbella, il salto qualitativo si avrà quando si riusciranno a portare a casa i fatti. Del resto, non dovrebbe essere difficile portare avanti un dialogo costante: sono più le cose che ci uniscono che quelle che ci dividono . Il confronto si estende anche al settore pubblico, al quale Corbella chiede di  lasciare perdere gli slogan e aprirsi al dialogo con il settore prima di affrontare gli interventi .

Il presidente ha poi annunciato l avvio di una collaborazione con Demoskopea, a cui verranno commissionate delle ricerche per conoscere l evoluzione del mercato.

La conferma di Corbella alla guida di Astoi è arrivata dopo una campagna elettorale che ha visto un unica candidatura alla presidenza e sedici nomi in corsa per i sedici posti di consigliere. Merito anche del comportamento dei soci Astoi, che hanno scelto  la strada della continuità - dichiara Jalel Hebara, presidente di Sprintours -. Due anni sono pochi ed è giusto andare avanti sulla strada già intrapresa per portare a termine i progetti . Aggiunge Michele Serra, presidente di Quality Group: Ci sono cose importanti sul fuoco e bisogna portarle avanti, soprattutto se il lavoro viene fatto bene . Serra analizza poi il ruolo delle commissioni da cui stanno emergendo  elementi importanti. Chi partecipa - aggiunge Serra - non lo fa per ambizione, perché si sottrae tempo alla propria azienda .Tutti concordi quin