Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
TTG Italia - Il turismo in soccorso dell'isola

TTG Italia - Il turismo in soccorso dell'isola

23 Luglio 2013


Luigi Crisponi, assessore regionale al Turismo, assicura: "Abbiamo 5 milioni per far ripartire la Flotta Sarda"

L'assemblea Astoi a Porto Cervo è stata l'occasione per discutere sul futuro della destinazione

Tutti in soccorso della Sardegna. "Siamo qui per dare un segnale forte": con queste parole Nardo Filippetti ha dato l'avvio all'assemblea di Astoi Confindustria Viaggi che si è tenuta a Porto Cervo. "Veniamo sempre etichettati come quelli che portano gli italiani all'estero, ma questa è la dimostrazione che noi ci siamo e vogliamo dare il massimo supporto".

Per quanto riguarda la questione caro traghetti, pare che il pressing congiunto di Regione e Ministero dei Trasporti su Tirrenia abbia sortito alcuni effetti. "Sembra che si stia arrivando a una soluzione, anche se ormai si parla della prossima stagione", ha annunciato Filippetti, che ha però fatto notare come forse non tutti i turisti persi dalla destinazione dipendano dai costi.

La questione, dunque, potrebbe non essere legata solo all'aumento delle tariffe dei traghetti. "Cerchiamo di aiutarci  è l'appello di Alberto Scanu, presidente Confindustria Sardegna -: non è solo un problema di trasporti, dobbiamo smettere di vendere sempre solo un prodotto stagionale e affrontare anche il grande gap del costo dell'energia".

Comunque, il mondo dei traghetti è chiamato direttamente in causa, e qualche risposta ha iniziato ad arrivare. Ermanno Sereni, responsabile commerciale per il Nord Italia di Corsica Sardinia Ferries, ha ricordato come la compagnia abbia messo in campo tariffe dedicate ai t.o., che hanno portato a un aumento dell'incidenza del venduto dal 4 al 10 per cento rispetto all'anno scorso. "Noi abbiamo cercato nuove opportunità aprendo la Sardegna alla Spagna", ha sottolineato invece Francesca Marino, passenger department manager di Grimaldi Lines. Per Moby, invece, l'obiettivo è quello di "destagionalizzare", come ha precisato Roberto Patrizi, responsabile commerciale grandi clienti di Moby.

Ma all'assemblea di Astoi c'è spazio anche per le istituzioni. "Noi mettiamo a disposizione il paradiso terrestre, ma chi prende da questa terra deve poi restituire" ha affermato Luigi Crisponi, assessore al Turismo della Regione. Sul tavolo ci sono questioni scottanti da affrontare: "Abbiamo depositato a fine giugno il bando per estendere la continuità territoriale a tutti - spiega -: serve un'autostrada verso il resto del mondo e invitiamo le compagnie apartecipare". Intanto la Regione lavora anche su altri fronti: "Abbiamo 5 milioni di euro - aggiunghe Crisponi. - pronti per riarmare la Flotta Sarda nel caso arrivasse il via libera dall'Ue".

Visualizza l'articolo:
{phocadownload view=file|id=2555|target=s}