Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
TTG Italia - Il Kenya pianifica il rilancio - Appello per il trade italiano

TTG Italia - Il Kenya pianifica il rilancio - Appello per il trade italiano

21 Settembre 2015

Avviata una campagna da 45 milioni di euro, con l'obiettivo di far percepire il Paese come sicuro

La rappresentanza è al lavoro sul volo diretto Milano-Mombasa e su fam trip con i t.o.

"Condividiamo la nostra storia con il mondo". È questo il primo messaggio della nuova campagna promozionale "Make It Kenya" , del valore di 45 milioni di euro (5,2 miliardi di scellini keniani), presentata a Milano dal presidente della Repubblica, Uhuru Kenyatta. Un campagna supportata dall'omonimo portale che, con il supporto dei canali social, permetterà di condividere immagini e contenuti multimediali con l'obiettivo di creare un filo diretto tra la nazione africana e il resto del mondo. Diversi gli obiettivi della nuova campagna: quello principale, però, riguarda la necessità di far percepire il Kenya come una nazione sicura, cercando di innalzare il posizionamento del Paese per aumentare la visibilità e raggiungere nuovi target.

La situazione

"Nei principali mercati europei - spiega Muriithi Ndegwa, managing director per il Kenya Tourism Board - abbiamo avuto una diminuzione degli arrivi dovuta a un problema di percezione sulla sicurezza: negli ultimi due mesi, però, diverse nazioni hanno tolto il warning e le aspettative per la seconda parte dell'anno sono molto alte". Un pronostico che poggia anche sul ritorno mediatico di due testimonial d'eccezione: il presidente degli Stati Uniti, che ha visitato la nazione a luglio, e Papa Francesco, che lo farà a novembre. Sicuramente sarà stato anche grazie alla visita di Obama, ma un dato è certo: il Kenya turistico è pronto a rinascere. "Gli occidentali stanno tornando sulle coste, e le prospettive dell'inbound migliorano" ha dichiarato Mohammed Hersi, presidente della Kenya Coast Tourism Association.

I piani nella Penisola

Per quanto riguarda il nostro Paese l'ente sta collaborando con il trade con un obiettivo chiaro: "Stiamo lavorando per un volo diretto Milano-Mombasa (operato da Kenya Airways, ndr) ma, allo stesso tempo, stiamo lavorando con Astoi e gli operatori charter per capire in che modo sia possibile supportare l'arrivo dei turisti" ha spiegato Phyllis Jepkosgei Kandie, cabinet secretary ministry of East African Affairs, commerce & tourism del Kenya. Altre iniziative sul nostro territorio prevedono l'organizzazione di fam trip in collaborazione con gli operatori (circa una decina) che fanno parte dei cluster Kenya Safari Pro(ject) e Kenya Beach Pro(ject). A supporto della nuova campagna non mancheranno investimenti in online marketing, pubblicità e attività sui social media e pr. Un primo bilancio di queste azioni si potrà fare ad ottobre durante il Kenya Travel Expo (in programma a Nairobi dal 15 al 17 ottobre); un'occasione, per gli operatori italiani, per incontrare i player del comparto  turistico locale.

CONSUNTIVO E INVESTIMENTI FONDI I CLUB

Ammonta a 45 CIFRA milioni di euro l'investimento del Paese per la nuova campanga di promozione 'Make It Kenya'. Obiettivo dare ai turisti un'immagine di sicurezza e stabilità.

BILANCIO

Da gennaio a luglio i visitatori internazionali nel Paese sono diminuiti di 18,9 punti percentuali, anche a causa del warning del governo britannico su gran parte della costa. Due i Club di prodotto che riuniscono i t.o. italiani, uno dedicato ai safari e uno al balneare: il Kenya Safari Pro (ject) e il Kenya Beach Pro(ject). Una decina gli operatori coinvolti. Sono stati 17mila i turisti italiani che hanno scelto la destinazione durante i primi sette mesi di quest'anno, con un trend al rialzo da giugno in poi. - di Giovanni Ferrario

  • TTGItalia_2192015_pag 10
    0.1 Mb