Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
TTG Italia - I t.o. devono essere più affidabili

TTG Italia - I t.o. devono essere più affidabili

09 Novembre 2010

Davanti alla richiesta di correttezza, la risposta degli alberghi è la stessa: correttezza, a cui si aggiunge, anche, affidabilità. "Cerchiamo di chiarire le cose - dice Marco Baldisseri, direttore commerciale dell'Arbatax Park Resort in Sardegna -: il mercato sta cambiando e anche i t.o. devono stare al passo. Senza considerare il fatto che in Sardegna ci sono molti alberghi che hanno ancora insoluti da parte dei tour operator, e questo in qualche maniera può portare a delle esasperazioni".

Fra le 'vittime' del tour operating Il Cormoran residence hotel di Villasimius. "Facciamo anche una lista nera dei tour operator - dice il direttore Mario Cioffi - . Astoi si deve ricordare che i Viaggi del Ventaglio ha lasciato 44 milioni di euro di insoluto in Sardegna; gli operatori con questa posizione si scavano la fossa". La sostanza del discorso è che anche da parte del tour operating ci deve essere affidabilità: "Il rapporto con i t.o. è importante - dice Giuseppe Sabatino, direttore dell'hotel Gli Dei di Pozzuoli, in Campania - ma anche loro devo essere affidabili". Sempre dalla Campania arriva un tentativo di chiarimento: "C'era da aspettarselo - dice Anna De Siano, sales manager del Mazzatorre resort e spa di Forio d'Ischia -. Se alcuni albergatori hanno deciso di bypassare i tour operator avranno sicuramente avuto problemi con loro". D'altro canto, le voci sulla correttezza non sono tutte concordi.

"Molto dipende anche dal tipo di contratto che si è siglato - dice Alessandro Giorgetti, presidente di Federalberghi Emilia Romagna -: se non c'è esclusività, l'albergatore può battere altre strade per vendere". In sostanza, "se si tratta di siglare un codice di comportamento, non sono in disaccrodo a priori" dice Marco Varisco, direttore dell'hotel Stella Maris di Camogli, Genova. Ma i t.o. sono avvisati: "Il loro sistema è rigido, e per noi è difficile lavorare con loro - spiega Pasquale Dirodi, direttore commerciale del centro di prenotazioni di Vieste -. Il prezzo non può essere lo stesso tutta la stagione, ma va calibrato a seconda dell'occupazione. E poi se stanno perdendo quote di mercato non se la devono prendere con noi".

Visualizza l'articolo

{phocadownload view=file|id=411|target=s}