Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
TTG Italia - Battifora scrive a TTG Italia: «Ecco cosa ho visto in Egitto»

TTG Italia - Battifora scrive a TTG Italia: «Ecco cosa ho visto in Egitto»

01 Luglio 2014


United For Egypt non è un traguardo, ma un punto di partenza. Anche nel corso della tavola rotonda
organizzata da TTG Italia, il presidente di Astoi Luca Battifora ha voluto intervenire sull'argomento, sottolineato poi pochi giorni dopo da una lettera inviata dallo stesso Battifora al direttore responsabile di TTG Remo Vangelista. Una nuova visione del settore, una maggiore consapevolezza di appartenere alla stessa categoria e un'immagine compatta della filiera turistica: sono queste le caratteristiche che, spiega Battifora nella lettera, hanno reso unico l'evento egiziano.

Il presidente dell'associazione dei tour operator, tuttavia, sa che non a tutti potrà piacere questo 'nuovo corso'. Ma ciò, sottolinea ancora, non dovrà fermare quel processo di cambiamento avviato con l'evento che è stato in grado di mettere insieme operatori, compagnie aeree, network, istituzioni e agenzie di viaggi per richiedere a gran voce di non lasciar morire la destinazione del turismo italiano per eccellenza. Ma il gruppo di rappresentanti della filiera si è spinto più in là, chiamando in causa anche il funzionamento del Fondo di Garanzia. Cercando sempre di dare un'immagine compatta di un settore che troppo spesso si è mostrato frammentato.

«Per la prima volta i tour operator hanno dimostrato di essere uniti»

Gentile Direttore, affido alle pagine del Suo giornale questa breve riflessione con l'auspicio che possa diventare elemento di interesse generale per il settore. Come riportato da molte testate trade e consumer, Astoi è reduce dall'evento United For Egypt, tenutosi a Marsa Alam dal 10 al 12 giugno u.s, svolto in collaborazione con AINeT, Ministero ed Ente del Turismo Egiziano e 7 primari tour operators associati. A questo evento hanno preso parte 700 titolari e/o direttori di agenzie di viaggio italiane, i vertici dei principali network italiani associati ad AINeT, manager ed imprenditori di primarie aziende del settore, i vettori aerei Meridiana, Blu Panorama e Neos, 45 giornalisti italiani tra televisioni, radio, web e carta stampata ed ulteriori 100 ospiti egiziani tra televisioni, giornali e fornitori locali. Sul palco sono saliti il Ministro del turismo Egiziano, sua Eccellenza Hisham Zaazou, il Governatore del Mar Rosso Gen. Ahmed Abdallah, l'Ambasciatore italiano al Cairo Dott. Maurizio Massari e rappresentanti delle due associazioni Astoi/AINeT: a condurre i lavori e coordinare gli interventi il giornalista politologo storico Paolo Mieli, attuale Presidente di RCS libri.

Con un unico obiettivo

Mi sono dilungato in questa disamina dei partecipanti perché basta leggere per avere una chiara dimensione in termini di qualità ed autorevolezza dell'evento. Non sono a scriverLe nel tentativo di autocelebrarci ma con l'intento, attraverso l'ospitalità del Suo giornale, di riuscire a porre l'attenzione su un particolare o meglio l'unico vero particolare che distingue United For Egypt da qualsiasi altra iniziativa realizzata fin d'ora: per la prima volta un intero comparto della filiera si è mosso in modo coeso per un obiettivo comune, con intraprendenza, spirito d'iniziativa, concretezza.

Saper fare 'sistema'

Per la prima volta le imprese del settore hanno dato dimostrazione di saper fare 'sistema', interagire attivamente con le istituzioni, portare all'attenzione del mercato e dei media un problema e papabili soluzioni. Per la prima volta ho visto autorevoli relatori rivendicare pubblicamente l'importanza di tour operator ed agenzie di viaggi per l'industria del turismo, riconoscendo che fare impresa in un mercato così turbolento e complesso richiede grandi capacità di imprenditori e manager. Ho rivisto finalmente negli occhi di molti, l'