Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
Travel Quotidiano - Patto per il turismo Un nuovo accordo per il contenzioso

Travel Quotidiano - Patto per il turismo Un nuovo accordo per il contenzioso

24 Giugno 2010
L'idea giusta Roberto Corbella: Astoi non chiede più soldi ma un uso più oculato e attento delle risorse.

FIRMATO DA ASTOI, ASSOTRAVEL E CONSUMATORI

ROMA - Presentato a Roma il Patto per il turismo, un accordo per la definizione stragiudiziale dellecontroversie fra operatori del settore e consumatori, firmato dall'Astoi, dall'Assotravel, dalla Federconsumatorie dal Movimento Consumatori. Gli onori di casa li ha fatti l'Osservatorio parlamentare per il turismo, che haospitato i lavori di presentazione del protocollo d'intesa. E' stato Pierluigi Mantini, presidentedell'Osservatorio, a definire brevemente il quadro della attuale situazione del settore in Italia, ed a benedireun accordo che sicuramente alzerà il livello di qualità dei servizi offerti dalle aziende che lo adotteranno.Mantini ha posto di nuovo l'accento su un suo vecchio cavallo di battaglia, la governance centralizzata, cheabbia la funzione di coordinamento della promozione all'estero e di controllo della spesa, dispersa in millerivoli.

Una visione "nazionale, non statalista", che porti ad una politica nuova per il settore ed ad un ritoccodell'art. 117 della Costituzione, che colloca il turismo fra le materie a legislazione concorrente. Punti dolenti:l'Iva, che in Francia e Spagna è molto più bassa, i fondi dell'Enit, 25 milioni l'anno contro i 180 della Spagna,l'offerta di servizi aggiuntivi, ancora carente. La recente ricostituzione del Ministero del turismo giustifica "unapolitica nazionale omogenea". Roberto Corbella, presidente Astoi, anch'egli favorevole alla governantecentralizzata, non chiede più soldi, ma loro uso più oculato, e batte sempre il tasto della qualitàdell'accoglienza, che è il primo veicolo pubblicitario per il settore. Quanto alle associazioni dei consumatori,non possono che essere soddisfatte di un accordo che tutela i loro protetti, come ha sottolineato RosarioTrafiletti della Federconsumatori, seppur con alcuni distinguo.

Quanto all'accordo, esso mira a snellire leprocedure dei contenziosi, offrendo una via stragiudiziale, molto più rapida etl economica di quella giudiziale,che possa addirittura portare ad una risoluzione dei conflitti in loco senza il riscorso alla procedura diconciliazione, che, in ogni caso, sarà garantita da operatori delle aziende e delle associazioni appositamenteformati con corsi dedicati. Il tutto porterà un notevole risparmio sia alle aziende che ai clienti, e garantirà unamaggior soddisfazione per chi avesse necessità di dovervi ricorrere. Un servizio in più, che avrà un periodo disperimentazione di un anno, durante il quale le domande potranno essere presentate solo per tramitedelle aziende aderenti. In seguito ad una verifica dell'efficacia della procedura, si deciderà se permettere aiconsumatori di accedervi autonomamente.

L'accordo prevede anche la presentazione del "Decalogo del turista garantito", una serie di indicazioni di comportamento, volte ad informare i consumatori dei loro diritti e delle regole basilari da osservare per viaggiare in modo informato e responsabile. "Puntiamo sempre alla qualità dell' accoglienza" Roberto Corbella -- Di Marco De Rossi

Visualizza l'articolo

{phocadownload view=file|id=251|target=s}