Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
News Turismo
Robot e agenti di viaggi - L’alleanza segreta

Robot e agenti di viaggi - L’alleanza segreta

17 Agosto 2016

Dopo il robot assistente aeroportuale e quello concierge sulle navi, potrebbe arrivare un robot agente di viaggi. Il tema non è così stravagante, e probabilmente è alla base del rapporto complicato che le adv hanno sempre avuto con la tecnologia: il timore che una macchina possa fare meglio e più velocemente il lavoro ha radici antichissime.

Un timore, in realtà, che non ha molta ragione di esistere.  A conti fatti, e chi ha un’agenzia lo sa benissimo, fra l’agente di viaggi e i ‘robot’ esiste un’alleanza, probabilmente mai dichiarata, che va avanti da tempo e che può consentire di migliorare il proprio business.

A parlarne con Tnooz è Dan Ruch, ceo di Rocketrip, società specializzata in soluzioni tecnologiche in particolare per il business travel. Il tema è, alla luce delle nuove applicazioni dell’intelligenza artificiale nel mondo dei viaggi, piuttosto scottante.  

Secondo Ruch, un robot, ad esempio, può scegliere meglio di un essere umano il viaggio più economico fra tutti quelli proposti dai vari sistemi e motori di ricerca. Il perché è semplice: un robot non è soggetto a nessuna fascinazione, se sa che deve scegliere la soluzione più economica, lo fa e basta. E questo vanifica l’impostazione attuale dei motori di ricerca per voli o hotel, che, come prima proposta, mostrano non la lista delle soluzioni meno care, ma di quelle più ‘popolari’. La mossa è strategica: aumentare le aspettative del cliente e spingerlo a mediare fra spesa e qualità del servizio.

Ma un robot questo non lo sa: per questo è meglio di un agente di viaggi nello scegliere la soluzione più economica.

C’è un rovescio della medaglia: il viaggio più economico può essere scomodo, può non soddisfare i gusti del cliente, può non rispondere ad esigenze di vario genere. Ruch propone di fare training alle app e all'intelligenza artificiale, ma forse c'è un metodo più soddisfacente riproporre l’alleanza fra agente di viaggi e macchina.

Nessuna pericolosa sostituzione, ma un patto: la macchina si occupa di trovare senza problemi la soluzione più conveniente, l’agenzia la trasforma nel viaggio perfetto. - Fonte: TTGItalia.com