Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
News Turismo
Repubblica Dominicana alla Bit con i nuovi progetti

Repubblica Dominicana alla Bit con i nuovi progetti

09 Febbraio 2016

Alla Bit di Milano approda la Repubblica Dominicana con il carico positivo dei risultati del 2015. La destinazione ha visto crescere dell’8,89% i turisti internazionali e anche dall’Italia, fa sapere la direttrice dell’Ente del Turismo, Neyda Garcia, si sono registrati dati molto positivi con 81.818 visitatori e una crescita pari a + 7% rispetto al 2014.

L’Italia si conferma così il quinto mercato in Europa, dopo Germania, Francia, Spagna e Inghilterra. “Per il 2016 ci sono certamente le premesse per fare ancora meglio data la presenza di un importante calendario di eventi, la costruzione di nuovi hotel e infrastrutture, grandi opere in aree ancora poco note al mercato italiano” prevede la Garcia.

Nel Paese continua lo sviluppo di nuove aree turistiche con la costruzione di strutture alberghiere sempre più moderne, di servizi e attrazioni e di importanti infrastrutture da nord a sud del paese. Per esempio nel nord, a Puerto Plata, grazie all’impulso dato quest’anno dall’arrivo di oltre 40.000 crocieristi nel porto Amber Cove, sta tornando ad essere uno dei principali poli turistici, a nord ovest. A Montecristi e a sud ovest, Pedernales, sono in corso grandi progetti di sviluppo turistico.

E per l’Italia nello specifico questo è l’anno della penisola di Samanà, collegata direttamente al nostro Paese da un nuovo volo Neos Air fino ad aprile. E nel 2016 la destinazione si prepara ad offrire nuove strutture alberghiere, con sette progetti turistici in corso, per un investimento di oltre 662 milioni di euro e la costruzione di 4.156 camere d’hotel in quasi tutto il territorio nazionale.

Tra le iniziative che riguardano l’aspetto promozionale del paese si continuerà a puntare su attività rivolte al trade, quali road show ed educational con i principali tour operator, presenza nelle fiere turistiche più importanti e sulla formazione degli operatori. - Fonte: IlGiornaleDelTurismo.com