Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
QN, Il Resto del Carlino - La vacanza non è un lusso

QN, Il Resto del Carlino - La vacanza non è un lusso

15 Dicembre 2011


Il commento - Roberto Corbella*

Le incertezze su cosa potrà capitarci non ci aiutano mai, né tantomeno favoriscono le nostre decisioni sul se, come e dove fare le vacanze. Auspico perciò per i cittadini e per gli addetti al settore che il Governo Monti comunichi al più presto i provvedimenti che intende adottare, affinché tutti gli italiani possano sapere a quali sacrifici saranno chiamati per poter conseguentemente decidere quale tipo di vacanza scegliere. Andare in vacanza, è ormai risaputo, non è più un lusso riservato a pochi, ma un'esigenza di tutti per ristabilire un equilibrio che spesso nella vita quotidiana viene compromesso da ritmi sempre più stressanti.

Questo governo ha posto anche l'accento sulla necessità di una ripresa del Paese ed è bene ricordare che il turismo svolge un ruolo fondamentale per l'economia, avendo una ricaduta importante su moltissimi settori quali, tra gli altri, i trasporti, il commercio e la cultura. A nome di Astoi Confindustria Viaggi confermo la piena assistenza e collaborazione al neo ministro del Turismo Piero Gnudi, cui vanno i miei auguri per le molte iniziative necessarie al rilancio del settore. Suggerisco al nuovo governo, nato all'insegna di una logica di rigore e di dismissioni, di vigilare affinché contestualmente non vengano poste in essere operazioni di interventi della pubblica amministrazione tendenti a ricreare, nelle sue varie forme, la presenza dello stato in aziende che dovrebbero invece trovare soluzione ai loro problemi finanziari nel libero mercato.

Contrariamente avremmo l'incoerenza che vedrebbe da una parte la dismissione di beni dello stato per fare cassa e, dall'altra, l'aumento delle partecipazioni pubbliche con i relativi rischi connessi, oltre a generare una turbativa sul mercato sostenendo aziende a scapito di altre. La promozione del nostro Paese è affidata all'Enit, supportiamolo e facciamo in modo che tutte le regioni si muovano con un'azione coordinata sotto quest'unico cappello. E' giunto il momento di porre fine alle Province e, soprattutto, mettiamo a sistema tutta la spesa di promozione del settore.

* Presidente di Astoi Confindustria Viaggi

Visualizza l'articolo:

{phocadownload view=file|id=1061|target=s}