Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
News Turismo
Per incrementare il turismo delle famiglie Dubai investe sul divertimento

Per incrementare il turismo delle famiglie Dubai investe sul divertimento

08 Novembre 2014

L'emiro Sheikh Mohammed bin Rashid al Maktoum ha deciso di mettere a disposizione 25 milioni di metri quadrati per questi nuovi parchi che richiederanno investimenti per circa 2,7 miliardi di dollari (2,178 miliardi di euro) per costruire resort e attrazioni. La società di sviluppo immobiliare legata alla famiglia reale di Dubai, Meraas Holding, ha già messo in programma tre parchi a tema e un hotel che dovranno aprire nel 2016. E nell'operazione ha già coinvolto grossi big del settore come Six Flags Entertainment corp. e Merlin Entertainments Plc's Legoland che prevede di creare 15 mila modellini utilizzando 60 milioni di mattoncini.

Inoltre, il gruppo locale di investimento, Ilyas & Mustafa Galadari Group, o Img, ha concesso licenze a Time Warner Inc. Cartoon Network e Walt Disney Co. Marvel Studios per creare il più grande centro multitematico di intrattenimento coperto del mondo. Un obiettivo ambizioso ma raggiungibile, ebbe a riconoscere al Maktoum l'anno scorso quando presentò la sua visione turistica di Dubai per incrementare il fatturato nei prossimi otto anni. Tuttavia, i nuovi progetti immobiliari faraonici stanno riaccendendo le preoccupazioni degli analisti circa la possibilità di una nuova bolla, dopo quella del 2009 che ha lasciato sul campo molte vittime, anche perché alcuni progetti sono in ritardo e cercano finanziatori.

È vero che, nel 2008, ha aperto Atlantis The Palm, un complesso turistico che comprende un parco acquatico di 42 ettari, ma, invece, è stato messo in stand-by Dubailand, 100 chilometri di parchi a tema e residenze. Intanto, il turismo delle famiglie stimola gli alberghi di fascia media: le stanze passeranno da 80 mila a 120 mila nei prossimi cinque anni in collaborazione con Colliers International. E brand come Hilton, Starwood e Hyatt stanno sviluppando nuovi alberghi con operatori locali. - Fonte: Italia Oggi