Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
L'Agenzia di Viaggi sito web - World Tourism Day: «Cultura per la pace»

L'Agenzia di Viaggi sito web - World Tourism Day: «Cultura per la pace»

01 Ottobre 2011

Aswan, Egitto. Il ministro del Turismo egiziano Mounir Fakhry Abdel Nour ha riunito i protagonisti dell industria per celebrare la Giornata Mondiale del Turismo, «appuntamento importante per dare valore e visibilità a una componente vitale per l economia e l ambiente in tutto il mondo, e in particolare in Egitto, culla della civilizzazione e punto di incontro tra Oriente e Occidente».

Nel frattempo, dopo il calo dell 80% dei flussi turistici nel Paese dovuto agli avvenimenti di febbraio, già ad agosto la situazione era migliorata sostanzialmente, assestandosi a un -25%, e per settembre è prevista un ulteriore crescita. Il ministro Abdel Nour ci ha assicurato che l Egitto stabilirà, nei prossimi anni, il modello di crescita del turismo attraverso la valorizzazione della cultura del Paese e del suo popolo. «È il nuovo Egitto e i suoi giovani  età media 24 anni  che guardano al turismo come a una fonte di crescita economica e culturale».


Il turismo come strumento per favorire il dialogo tra culture, la tolleranza, la comprensione e la pace è stato il tema della Giornata del Turismo 2011 e del think tank  Tourism - Linking Cultures dove sono state presentate le Raccomandazioni di Aswan, sotto l egida del Primo Ministro egiziano e dell UNWTO: i sei punti che identificano le azioni fondamentali per promuovere la comprensione tra visitatori e ospitanti e contribuire alla pacifica convivenza.

Ad aprire i lavori il ministro del Turismo greco Pavlos Yeroulanos, che ha auspicato un offerta turistica comune sotto gli auspici della cultura e un apertura ai visti turistici per l Europa, seguito da Taleb Rifai, Segretario Generale del UNWTO, che ha ricordato che lo scorso anno ben 940 milioni di persone hanno attraversato le frontiere, uno ogni 12 posti di lavoro è generato dal turismo, un industria che produce il 5.2% del PIL mondiale e che in Europa costituisce una fonte di reddito che supera ogni altra.

Per l austriaco Werner Wintersteiner, capo del Centro di Ricerca per la Pace, è la comunità che deve decidere come presentarsi al visitatore, mentre Rosette Rugamba, fondatrice di Songa Africa in Ruanda, conferma che il turismo è un veicolo, e che deve essere personalizzato per le necessità del visitatore ma anche della comunità locale.

I. Gde Ardika, già ministro della Cultura indonesiano, auspica cooperazione tra pubblico, privato e popolazione, e Michael Frenzel, ceo di TUI, concorda parlando di dialogo e cooperazione ad ogni livello. Infine per Peter Debrine (UNESCO) «Il patrimonio culturale è espressione del popolo e il turismo è un veicolo per promuovere la comprensione tra le nazioni».

A rappresentare l Italia alla Giornata Mondiale del Turismo di Aswan il presidente di Astoi Roberto Corbella, accolto con grande calore dal ministro Abdel Nour, dopo il buon rapporto stabilito lo scorso 25 febbraio durante la visita al Cairo e a Piazza Tahrir. - di Cristina Ambrosini