Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
L'Agenzia di Viaggi sito web - Egitto: destinazione Suez e incentivi ai vettori

L'Agenzia di Viaggi sito web - Egitto: destinazione Suez e incentivi ai vettori

16 Ottobre 2014


Senza il warning l Egitto decolla. Il governo guidato dall ex comandante dell esercito Abdel Fattah al-Sisi, oggi Presidente della Repubblica, punta forte sul turismo e fissa obiettivi ambiziosi. E dunque: 12 milioni di arrivi internazionali quest anno, dopo il balzo in avanti del 64% ad agosto, e addirittura ai 25 milioni entro il 2020.

«I risultati degli ultimi tre mesi sono confortanti. La situazione sta migliorando, la calma è tornata. Adesso bisogna scacciare gli ultimi pregiudizi, anche grazie ai nuovi sistemi di monitoraggio della sicurezza, come le webcam posizionate nelle località-chiave», ha detto il ministro del Turismo, Hisham Zaazou, a TTG Incontri, dove l Egitto ha rivestito il ruolo di Country Partner.

Hotel e mini-crociere sul Canale

Entro sei anni, insieme al numero di visitatori, potrebbero raddoppiare anche le entrate: da 12 a 25 miliardi di dollari. E nel frattempo  in un tempo stimato dal ministro tra tre e quattro anni  potrebbe prendere forma una nuova destinazione turistica: «Mi riferisco a Suez, dove i lavori per l ampiamento del canale, favoriranno anche l industria dei viaggi». E non solo per il transito delle navi da crociera, oltre ai cargo. «Intorno a Ismailia, storica sede della Compagnia del Canale di Suez  annuncia Zaazou  sorgeranno hotel, anche a 4 stelle, e nuove attrazioni turistiche. È un area verdeggiante, a solo un ora e mezza dal Cairo. Da qui sarà possibile esplorare il countryside egiziabo ed effettuare escursioni in barca nel canale. Qui c è spazio anche per investimenti italiani».

Da novembre aiuti alle compagnie aeree

Per sostenere lo sviluppo della destinazione, Zaazou ha un dialogo aperto con il trade. Continuano gli incontri con i tour operator, e la sintonia con Astoi che dopo il successo di United for Egypt ha depositato il marchio  United for&  . E continua anche l impegno per favorire i collegamenti aerei. Su questo fronte, il ministro ha annunciato il via libera agli incentivi dal 1° novembre: non solo per i charter, ma anche per i voli di linea e le low cost. Gli aiuti saranno direttamente proporzionali al fattore di riempimento degli aerei, alla durata del volo e alla destinazione. Un esempio? «Sul Mar Rosso, nel caso un collegamento superi il 50% dell occupazione, prevediamo un investimento di 30 o 40 euro a sedile», spiega Zaazou. Per sostenere l Egitto classico  ancora in forte sofferenza  è prevista, nel frattempo, l attivazione a dicembre di un volo diretto per Luxor. Sullo sfondo c è l intenzione, ribadita dal direttore dell ente Mohamed Abdel Gabbar, di far sì che «l Italia torni a essere il primo mercato per l Egitto». - di Roberta Rianna