Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
L'Agenzia di Viaggi - AINeT e Astoi fanno quadrato

L'Agenzia di Viaggi - AINeT e Astoi fanno quadrato

29 Settembre 2010

Ha fissato una fitta agenda di impegni e obiettivi comuni il primo incontro ufficiale tra Astoi, l associazione dei maggiori t.o. italiani, e AINeT, il sodalizio  in crescita costante  che riunisce la gran parte dei maggiori network di agenzie italiani.

Obiettivi condivisi
In tempi difficili si sgombra il campo da pregiudizi e altri ostacoli al dialogo, e si fa quadrato: così con il presidente Franco Gattinoni e Luca Caraffini di AINeT si sono incontrati il presidente di Astoi Roberto Corbella, Sergio Testi ed Enrico Scotti. E insieme hanno definito i punti di un programma di intervento verso obiettivi comuni o condivisi, che una nota annuncia nei dettagli.

 Adeguamenti tariffari e acconti. Per uscire dal caos attuale servono criteri condivisi che permettano sia al consumatore che all agenzia di viaggi di capire quando, come e perché pagare.

 Vettori aerei. Due questioni: il pagamento settimanale del BSP, sul quale insiste la Iata, metterebbe in difficoltà le adv; va discussa anche la composizione del biglietto aereo, dove le tasse non commissionabili sono ormai una parte preponderante del costo sostenuto dal viaggiatore. AINeT e Astoi hanno deciso di procedere insieme per un tavolo di confronto con le associazioni delle compagnie aeree.

 Rapporto con le Associazioni Consumatori. Il dialogo è già avviato da Astoi con la firma del Protocollo per la conciliazione stragiudiziale delle controversie. AINeT potrebbe portare il suo contributo e rendere partecipi i propri associati di questa iniziativa.

 Questione fiscale e tributaria. Il 20% d Iva che grava sulle imprese turistiche italiane è un problema annoso. Si cercherà un confronto con le autorità competenti, anche prendendo spunto da esperienze straniere.

 Relazioni con i media. I default recenti hanno minato la fiducia del mercato nell industria turistica. Tour operator e network devono riprendere a comunicare, con chiarezza e senza filtri, con adv e consumatori.

Solo l inizio
Ed è solo l inizio, come hanno confermato poco dopo Corbella e Gattinoni, nella convention che ha riunito le agenzie di Gattinoni Travel Network a Marispica, nel bel villaggio iGV: «Ciascuno giustamente cura il proprio interesse, ma bisogna superare la diatriba tra organizzatori-produttori da un lato e intermediari-distributori dall altro  ha ripetuto Corbella  ora servono dialogo, trasparenza e pragmatismo».

«Abbiamo scelto un approccio concreto  ha insistito Franco Gattinoni  in un discorso che supera la politica. È un confronto tra imprenditori, perché è questo che siamo, noi la distribuzione, Astoi il prodotto».

Il network in evoluzione
A Marispica Gattinoni ha insistito sulla necessaria evoluzione del modello network, centrata sul valore aggiunto da offrire alle agenzie, anzitutto in tecnologia a supporto del lavoro quotidiano. Con assetto centrato sempre più sulla qualità che sul numero delle agenzie affiliate, anche nel rapporto con i tour operator. E che alle sue affiliate darà la massima chiarezza sull assetto economico delle loro imprese: «L agenzia di viaggi ora di fatto non trova barriere all ingresso sul mercato. Ma va chiarito che l idea diffusa secondo cui basta fatturare 250 mila euro l anno per tenerla aperta è falsa, perché per una redditività adeguata serve almeno il doppio. Il problema principale per le agenzie, più grave del calo della clientela, resta infatti la perdita di redditività, dovuta non solo all economia stagnante, al mercato saturo o alla concorrenza di internet. Ma anche a eventi come la cancellazione di commissioni e over sulla biglietteria aerea.

Il mercato congestionato
Così se il 2009 è stato l anno della resa dei conti per i t.o., il 2010 rischia di esserlo per l