Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
La Voce di Romagna - Una tassa per chi sceglie gli Usa

La Voce di Romagna - Una tassa per chi sceglie gli Usa

09 Agosto 2010

Chi arriva senza il visto sul passaporto per entrare dovrà pagare 14 dollari

In vigore dall'8 settembre. Insorge l'Unione Europea

NEW YORK - Usa più cari per chi deciderà di fare un viaggio nel Paese senza avere un visto sul passaporto. Dall'8 settembre scatta una sorta di tassa di ingresso: 14 dollari (poco più di 10 euro al cambio attuale) per tutti i viaggiatori dei 36 paesi del mondo - quasi tutti europei tra cui l'Italia - che aderiscono al programma 'senza visto'. Quel programma 'Esta', entrato in vigore nel gennaio del 2009, che prevede l'obbligo di registrazione on line per coloro - minori e neonati compresi - che non sono in possesso di un visto per il paese a 'stelle e strisce'.

Una decisione quella rimbalzata dall'altra parte dell'Oceano - tramite una nota delleAmbasciate Usa nei vari paesi interessati - che non è piaciuta a Bruxelles. Che parla di "rammarico" e"preoccupazione". Come sottolineato dalla commissaria agli Affari Interni, Cecilia Malmstroem: la misura - hadetto - è "incoerente con gli impegni presi dagli Stati Uniti per facilitare la mobilità tra le due spondedell'Atlantico poiché aggiunge ulteriori oneri a carico dei cittadini europei che vogliono recarsi negli Usa''. Ma la 'tassa di ingresso' per i cittadini del programma 'In viaggio senza visto' non è un fulmine a ciel sereno: lamisura si ventilava da tempo e aveva già fatto scendere in campo gli operatori turistici. Come quelli italiani riuniti nell'Astoi (associazione dei Tour Operator) che, parlando di "balzello", nei mesi scorsi avevano sottolineato come "in un momento di estrema fragilità del mercato, l'adozione di meccanismi penalizzanti non contribuisca al rilancio del settore".

I 14 dollari che gli Usa hanno deciso di far pagare a chi vorra' entrare nelpaese senza visto, serviranno - secondo le prime indicazioni - a finanziare, con una quota di 10 dollari a'ingresso', il piano di promozione turistica americano e per i restanti 4 dollari a sostenere le spese per il funzionamento di 'Esta'. Del programma cioè che richiede l'obbligo di un'autorizzazione elettronica prima di imbarcarsi su un vettore aereo o marittimo diretto negli Usa. Obbligatoria dal 12 gennaio 2009 questa"autorizzazione ha durata di due anni, o fino a scadenza del passaporto", ricorda l'Ambasciata Usa a Roma spiegando che "le autorizzazioni rilasciate prima dell'8 settembre prossimo rimarranno valide fino alla data della loro scadenza e la loro modifica rimane gratuita".

Chi invece rinnoverà il passaporto dovrà "effettuareuna nuova registrazione ESTA soggetta al pagamento dei 14 dollari". Il Visa Waiver Program e' gestito dalDepartment of Homeland Security (DHS) e consente di viaggiare senza visto ai cittadini di 36 paesi aderentiche si recano negli Stati Uniti d'America per motivi di turismo o affari per un soggiorno massimo di 90 giorni.

In base a questo sistema - che dall'8 settembre prossimo diventerà così a 'pagamento' - tutti i cittadini deiPaesi aderenti al programma 'Viaggio senza Visto' diretti negli Stati Uniti per un massimo di tre mesi, peraffari o turismo, devono richiedere una specifica autorizzazione almeno 72 ore prima della partenza. Un 'ok'online obbligatorio anche per minori, neonati e viaggiatori in transito. La domanda on line si effettua sul sitohttps://esta.cbp.dhs.gov fornendo dando dati anagrafici, domiciliari, di passaporto e di soggiorno.

La Voce di Romagna Pag. 7