Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
News Turismo
La sorpresa di luglio

La sorpresa di luglio

07 Agosto 2015

C’è chi fa il record, chi festeggia la ripresa, chi spiega che i segnali sono incoraggianti.

È un bilancio importante quello del turismo nel mese di luglio e sta fornendo al mercato cifre sorprendenti e per certi versi inattese. Come quelle sulle spiagge della Penisola diffuse pochi giorni fa: dopo anni di sofferenza i turisti sono tornati sulle sdraio sotto gli ombrelloni dei nostri litorali e in alcune regioni si sono toccati tassi di incremento del 30 per cento. Miracolati forse anche dal bel tempo e dal gran caldo, ma comunque una grande boccata di ossigeno.

Passando sul fronte del trasporto aereo, uno dopo l’altro gli scali della Penisola fanno i conti e in molti casi diffondono comunicati stampa in cui si comunica che quello da poco concluso è stato il miglior mese di sempre come numero di passeggeri movimentati. Da Nord a Sud il ritornello sembra essere costante e arrivano benefici anche per la regione che maggiormente aveva scontato la crisi, vale a dire la Sardegna, dove adesso pare che il problema sia diventato quasi l’opposto: difficile trovare un posto libero sui voli da parte dei residente che si devono recare sul Continente.

Quanto poi al capitolo Expo, dopo mesi di dati contrastanti e non poche polemiche, si scopre che a luglio il tasso di riempimento degli hotel non era mai stato così alto, mentre Visa Europe segnala che le spese degli stranieri a Milano ha avuto un’impennata del 29 per cento. E la stessa Federalberghi nell’ultimo bilancio sulla stagione estiva mette da parte i toni di preoccupazione e parla apertamente di dati incoraggianti.

Fatta la carrellata, rimettiamo in moto la macchina della prudenza e attendiamo la fine dell’estate per fare un bilancio veramente complessivo. Ma che qualcosa sia cambiato in meglio oggi appare evidente. Per fortuna. - Fonte: Ttgitalia.com