Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
La Repubblica Viaggi - Sharm, Farnesina toglie lo 'sconsiglio'

La Repubblica Viaggi - Sharm, Farnesina toglie lo 'sconsiglio'

18 Luglio 2014


Il ministero degli Esteri rimuove il suggerimento per le aree turistiche del Mar Rosso Egiziano. "Ma evitate il resto del Paese"

Disco verde per il turismo sul Mar Rosso Egiziano, sul fronte della sicurezza. E giusto in tempo per il boom delle vacanze italiane (anche se forse le migliori stagioni per quell'area sono il pre-estate e l'inizio autunno, data la latitudine). In ogni caso, con l'avviso pubblicato nelle scorse ore sul sito Viaggiare sicuri, la Farnesina ha tolto lo "sconsiglio" per i i resort situati a Sharm el-Sheik. Il suggerimento era in vigore dal fine febbraio.

"In considerazione del deterioramento della generale situazione di sicurezza registrato nel Paese, si rinnova la raccomandazione di evitare i viaggi non indispensabili in Egitto in località diverse dai resort situati a Sharm el-Sheik, sulla costa continentale del Mar Rosso, nelle aree turistiche dell'Alto Egitto e di quelle del Mar Mediterraneo", si legge nell'avviso.

Nell'avviso si aggiunge che "da alcuni mesi le Autorità egiziane stanno comunque compiendo un importante sforzo per garantire maggiore sicurezza nelle installazioni turistiche, con particolare riferimento a Sharm el Sheik". I viaggiatori diretti nelle località turistiche debbono tuttavia essere pienamente consapevoli che anche in questi luoghi non si possono escludere gli effetti di tensioni politiche o il rischio di azioni ostili anche di matrice terroristica.

Immediato il commento di Astoi Confindustria Viaggi, che esprime piena soddisfazione per l'avvenuta rimozione dello sconsiglio per "una destinazione di fondamentale importanza per il comparto e per lo stesso paese Egitto", per il quale la voce turismo rappresenta una delle primarie componenti economiche nazionali. "La rimozione dello sconsiglio - dichiara il presidente Luca Battifora - è arrivata pochi giorni dopo un incontro avvenuto tra una delegazione Astoi e il vertice operativo dell'Unità di Crisi del Ministero degli Esteri".

L'incontro era teso a verificare la contingenza del Mar Rosso ma anch, come spiega Battifora, quella di "più ampia disamina dello scenario mondiale, dei cambiamenti in essere e dei radicali mutamenti avvenuti negli ultimi tre anni che hanno influenzato, e che in futuro potranno influenzare o anche solo interessare, il settore del turismo e, quindi, i nostri clienti e le nostre imprese".

Il colloquio, "lungo e costruttivo, ha prodotto - conclude il presidente Astoi - considerazioni condivise da entrambe le parti in merito alla necessità di ridisegnare modi ed interpretazioni delle informazioni che vengono costantemente fornite dalla Farnesina, con l'unico obiettivo di assicurare trasparenza ai consumatori e sostenibilità operativa alle aziende della filiera (agenzie di viaggio, tour operator, vettori charter).