Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
La Repubblica - Colosseo, sbloccati i fondi per gli straordinari

La Repubblica - Colosseo, sbloccati i fondi per gli straordinari

27 Giugno 2013


Il ministro Bray: proteste come quella dei giorni scorsi offendono il Paese

Ma i sindacati non fanno passi indietro: venerdì e domenica musei e siti off-limits

«Non possiamo più permetterci di vedere il Colosseo chiuso». Lo ripete, il ministro ai Beni culturali e al Turismo Massimo Bray, in vista delle nuove agitazioni annunciate dai sindacati, che venerdì mattina potrebbero mettere a rischio l'apertura di musei e aree archeologiche statali, Colosseo compreso, quando i lavoratori dei siti romani si riuniranno in assemblea al Collegio Romano. «Nel momento in cui abbiamo scommesso sul turismo e la cultura e facciamo trovare uno dei luoghi simbolo del Paese chiuso - ha proseguito Bray - è una cosa che offende questo Paese e i suoi cittadini». Se in mattinata il ministro aveva dichiarato che «il governo deve dare risposte chiare. Bisogna individuare le risorse necessarie per pagare gli stipendi», nel pomeriggio è arrivato l'annuncio: «I fondi accessori per il personale del Mibac sono stati sbloccati».

Il ministero, infatti, «ha acquisito i pareri definitivi e favorevoli della Funzione pubblica e della Ragioneria generale dello Stato per la ripartizione del fondo unico amministrazione 2013. Questo consentirà di pagare le retribuzioni straordinarie arretrate da gennaio a oggi». Una notizia accolta «con soddisfazione» dai sindacati, che in vista dell'incontro con il ministro fissato per l'8 luglio non hanno voluto però fare marcia indietro sulla mobilitazione di venerdì, che interesserà gallerie e siti archeologici di tutta Italia. «Restano ancora da risolvere gli altri punti della nostra vertenza, dal blocco delle assunzioni all'accordo sui turni festivi» dichiara Claudio Meloni, coordinatore nazionale Cgil Mibac. Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Pa, Confsal-Unsa e Ugl-Intesa prendono, invece, le distanze dalla nuova iniziativa organizzata domenica pomeriggio da un'altra sigla, l'Flp (la stessa che aveva bloccato domenica scorsa, in occasione di un'assemblea autonoma, Colosseo, Foro Romano e Palatino per due ore e mezzo). L'Flp ha, infatti, indetto per domenica prossima, dalle 17 alle 19, un'altra assemblea, che potrebbe nuovamente paralizzare il Colosseo e l'area archeologica centrale. Una mobilitazione a cui le altre sigle si dicono contrarie, come già era successo domenica scorsa, accusando l'Flp di «irresponsabilità».

Il rischio che le agitazioni comportino nuove chiusure preoccupa e esaspera gli operatori del turismo: «Continuiamo a farci del male da soli - dichiara il presidente di Astoi - Confindustria Viaggi, Nardo Filippetti - Roma è una destinazione che richiama turisti da ogni angolo del globo, che spesso rimangono qui un numero limitato di giorni. Tutti questi fattori aggravano il danno d'immagine incalcolabile che il nostro Paese e il nostro sistema turistico hanno subito, per l'ennesima volta, dando credito all'opinione, sbagliata, di chi all'estero continua a ritenerci inaffidabili». «Eventi come questi - conclude Filippetti - non fanno che aumentare il dispiacere degli operatori, che vedono vanificarsi anni di sforzi sul mercato per dimostrare professionalità». - di Sara Grattoggi

Visualizza l'articolo:
{phocadownload view=file|id=2439|target=s}