Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
La Gazzetta Del Mezzogiorno Bari - I turisti in fuga, aeroporti caos -

La Gazzetta Del Mezzogiorno Bari - I turisti in fuga, aeroporti caos -

02 Febbraio 2011

SHARM EL SHEIK MOLTI CERCANO DI RIENTRARE IN ITALIA, MA C'È PURE CHI VUOL PARTIRE PER IL MAR ROSSO

La Farnesina sconsiglia viaggi nella regione, se non indispensabili

ROMA. A Sharm la situazione, nonostante il coprifuoco, «è abbastanza tranquilla, anche se il coprifuoco in atto non consente naturalmente le escursioni lontano dalla costa»: c'è anche chi tutto sommato cerca di tranquillizzare gli animi per i tanti turisti italiani che in questi giorni si trovano nel Mar Rosso. Come fa ad esempio la presidente della Fiavet, Cinzia Renzi, che chiarisce: «i voli da Sharm tornano pieni ma perché riportiamo a casa gli italiani che hanno finito la settimana di vacanza». Tuttavia, nonostante la Farnesina abbia «sconsigliato» i viaggi in Egitto, ci sono, anche in queste ore, alcuni italiani che decidono di partire e che non vogliono rinunciare al viaggio nelle località del del Mar Rosso in cui hanno prenotato una vacanza.

Dopo l'avviso della Farnesina, arrivato nel tardo pomeriggio di sabato, sia i tour operator aderenti a Federviaggio, la Federazione del turismo organizzato, che quelli aderenti alla Fiavet e all'Astoi, Associazione di tour operator, stanno facendo partire vuoti i voli per l'E g i t t o, che tornano in Italia riportando i turisti che hanno terminato la propria settimana di vacanza. Nel prossimo fine settimana gli stessi voli andranno a riprendere i turisti partiti sabato scorso. Dall'11-12 gennaio - spiega Federviaggio - dovrebbero riprendere regolarmente i voli e dunque gli arrivi turistici nelle località balneari dell'Egitto, salvo un prolungamento dell'av v i s o di sconsiglio da parte della Farnesina. «I turisti italiani partiti sabato stanno fruendo di una vacanza tranquilla e senza alcun motivo di turbamento nei luoghi di vacanza prescelti. Anche i nostri corrispondenti locali ci assicurano che non ci sono situazioni pericolose», spiega Federviaggio.

Visualizza l'articolo
{phocadownload view=file|id=598|target=s}