Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
Italia Oggi Sette - Un fondo di garanzia con pochi zeri

Italia Oggi Sette - Un fondo di garanzia con pochi zeri

10 Maggio 2011

Tra organismi e istituti trattati dal codice, all'art. 52 fi gura il fondo nazionale di garanzia, che viene attivato per assicurare, nei gravi casi di insolvenza o di fallimento del venditore o dell'organizzatore, il rimborso del prezzo versato dal turista-cliente o il rimpatrio del consumatore nei casi di viaggi all'estero. Tra l'altro le istanze del rimborso al fondo non hanno termini di decadenza. Tecnicamente il codice spiega che «il fondo viene alimentato annualmente da una quota pari al 2% dell'ammontare del premio delle polizze assicurative obbligatorie». Molto prima della stesura del codice, le principali organizzazioni di tour operator (Astoi, Federviaggio) avevano reclamato una rivisitazione del fondo, soprattutto nella sostanza che nella forma, perché insuffi ciente ad assicurare la copertura di danni previsti. In concreto per il fi nanziamento costante e ben più consistente del fondo era stato richiesto il coinvolgimento di «tutti» gli attori della filiera turistica, comprese le compagnie aeree che in taluni casi eclatanti, come nella clamorosa vicenda della nube vulcanica dell'aprile 2010 che aveva paralizzato il traffi co aereo internazionale, si erano rese protagoniste di comportamenti scorretti o disservizi e disagi inaccettabili. Inoltre nello stabilire che la gestione e soprattutto il funzionamento del fondo vengono vincolati ad appositi decreti della presidenza del consiglio di concerto con il ministro del turismo e quello delle finanze, si esclude a priori, per il suo utilizzo, la concertazione dei soggetti operativi della filiera turistica, che sarebbero poi quelli in grado di assicurare una gestione effi ciente ed esaustiva del fondo stesso. In estrema sintesi, il fondo di garanzia così come viene strutturato dal codice, disporrà come in passato di esigue risorse, coinvolgerà pesantemente solo alcune componenti del comparto e nel momento della sua attivazione verrà a mancare quella costruttiva partecipazione delle imprese che ne garantirebbe la tempestività e l'efficienza.

Visualizza l'articolo
{phocadownload view=file|id=724|target=s}