Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Intervista del mese
Intervista del mese

Intervista del mese

01 Novembre 2017
Nardo Filippetti, Presidente di ASTOI Confindustria Viaggi, ha commentato nel corso del programma "Due di Denari" di Radio24, le nuove misure di sicurezza per i viaggiatori diretti in USA fornendo una serie di consigli e indicazioni utili per chi parte.
È di stretta attualità l’adozione, per decisione dell’amministrazione Trump, di orari più rigidi, controlli intensificati ed interviste già al check-in. Si tratta di ulteriori misure di sicurezza per i voli diretti in USA in cambio della sospensione dell’electronic ban, il divieto di trasportare in cabina dispositivi più grandi di uno smartphone per voli in arrivo da 10 scali di Medio Oriente ed Africa Settentrionale.

Rispondendo alle domande della giornalista Debora Rosciani, il Presidente ha sottolineato innanzitutto la contrazione della domanda per gli Stati Uniti, proveniente soprattutto dai paesi del Medio ed Estremo Oriente. Da tempo varie compagnie aeree consigliano di presentarsi almeno 3 ore prima della partenza per i voli intercontinentali nell’ottica di snellire le procedure, un’abitudine peraltro già adottata da molti passeggeri.

Le nuove misure, comportano quindi controlli aggiuntivi a quelli già previsti, realizzati “a campione” sui  passeggeri tramite domande poste al momento del check in o dell’imbarco a seconda della compagnia aerea, come, ad esempio, domande sul bagaglio, per capire se è stato il passeggero a prepararlo o se la valigia contenga oggetti particolari, regali, etc.

Tutte le compagnie aeree che volano verso gli USA, sono tenute a fornire ogni informazione necessaria ai propri passeggeri per affrontare il viaggio in piena serenità.

Filippetti ha rimarcato che viaggiare con un Tour Operator significa vivere una vacanza più tranquilla nella quale tutti si sentono protetti anche in virtù di una legislazione che comporta la responsabilità del Tour Operator per tutti i servizi pacchettizzati, non solo per le informazioni. Il cliente di un Tour Operator si sente assistito h24 da qualcuno che ti prende "letteralmente" per mano. Ad esempio, in occasione del blocco dell'aeroporto di NY  per neve, i Tour Operator, oltre ad assistere i propri clienti, hanno anche proposto loro delle alternative di viaggio.

Il Presidente, conclude il proprio intervento, fornendo alcune indicazioni sulle regole del trasporto dei liquidi in cabina e sui documenti necessari per l’ingresso negli USA.

(Intervista dal minuto 23:25 al minuto 33:31 - ASCOLTA L'INTERVENTO)