Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
Il Sole 24 Ore - Stagione salvata dai turisti esteri

Il Sole 24 Ore - Stagione salvata dai turisti esteri

19 Agosto 2013


Il bilancio dell'estate. Il colpo di reni della domanda internazionale limita i danni prodotti dal forte calo dei
visitatori interni

Presenze giù dell'1% sul 2012 - Le spiagge da sole non bastano, servono eventi

Poteva andare molto peggio. Alla fine, però, un sorprendente colpo di reni della domanda internazionale ha mantenuto a galla il settore. Archiviata la parentesi di Ferragosto, l'estate del turismo volge al termine con un bilancio caratterizzato da un leggerissimo calo delle presenze rispetto all'anno scorso. Merito soprattutto dei visitatori stranieri, la cui inaspettata vivacità ha difatti limitato i danni della flessione di domanda interna. E pazienza se parecchie strutture, per non rinunciare a essere competitive, hanno scelto di tenere bassi i prezzi, con tutte le conseguenze negative in termini di contrazione del fatturato. Per parlare di numeri ufficiali è presto, ma i dati raccolti dal Sole 24 Ore tra gli operatori lasciano vedere il bicchiere mezzo pieno: la bella stagione dovrebbe concludersi con un calo di presenze dell'1% rispetto al 2012. Determinante la domanda estera: crescono del 3% i pernottamenti di stranieri, con un incremento del contributo di Nord Europa e Paesi emergenti, stabilità del mercato russo e calo di Spagna e Portogallo. Per contro, le presenze italiane appaiono caratterizzate da una flessione che oscilla tra l'1,5 e il 2 per cento.

«Se consideriamo il momento difficile che sta attraversando il Paese, - commenta il presidente di Federturismo Renzo Iorio - tocca accogliere favorevolmente le performance dell'estate 2013. A tenere è stato soprattutto l'alto di gamma, grazie ai nuovi ricchi dei Paesi emergenti. Non è un caso se nei primi quattro mesi dell'anno, quelli in cui l'estero pesa pochissimo, il bilancio per il segmento è stato decisamente più magro. L'offerta di fascia media o bassa con l'estate ha sofferto di più, perché gli italiani, clienti di riferimento, si sono mossi poco». La bella stagione, secondo Federturismo, dovrebbe in qualche modo aggiustare i conti finali della nostra industria dell'accoglienza. «E potrebbe rappresentare - secondo Iorio - un punto per ripartire verso un 2014 migliore».

Tra le location, bene le mete che, oltre al mare, offrono cultura ed eventi: Sicilia orientale (presenze al +8%), Puglia (+5%), Sardegna (+5%) e Versilia (+2%). Ornella Laneri, presidente di Federturismo Sicilia, parla di «buona tenuta del sistema turistico regionale, purtroppo non supportata da adeguate politiche di fiscalità da parte del decisore pubblico». Qualche difficoltà in più per Riviera adriatica, Liguria (-3%), Penisola Sorrentina e Costiera Amalfitana (-2%), dove i soggiorni tendono a farsi più brevi. Per Alessandro Giorgetti, numero uno della Federalberghi emiliano romagola, «considerando le premesse di una stagione contrassegnata dal calo della domanda tradizionale, è andata persino meno peggio di come si temeva». Americo Pilati, presidente degli albergatori liguri, si sofferma sull'«assenza degli italiani» e la «crescita del fenomeno bed and breakfast: si viene in albergo chiedendo solo i servizi di pernottamento e prima colazione». Malissimo chi, come la Calabria (-30%), offre soltanto spiagge: secondo Demetrio Metallo della Federturismo regionale, «gli operatori sono in grandissima difficoltà. Poche isole felici hanno limitato il danno». In casa Federalberghi si parla di «punto di frenata della crisi». Il presidente degli albergatori di Confcommercio Bernabò Bocca fa infatti riferimento a «un lieve incremento tra arrivi e pernottamenti di italiani e stranieri, sia alberghieri sia extralberghieri», pur denunciando «un calo di fatturato dovuto ai prezzi più bassi e una flessione dei lavoratori». Federalberghi, nella sua ultima indagine sulla stagione in corso, registra infatti un balzo in avanti del 3% delle presenze straniere e la tenuta (+0,5%) del mercato ital