Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
Il Sole 24 Ore sito web - Egitto, i tour operator: «Nessun problema per i turisti».

Il Sole 24 Ore sito web - Egitto, i tour operator: «Nessun problema per i turisti».

15 Agosto 2013


Codacons: ecco come fare per l'annullamento

Coprifuoco dalle 19 di questa sera. Eppure nessun problema di sicurezza per i turisti italiani in Egitto: i tour operator italiani ribadiscono che le violenze nelle strade del Cairo non sta avendo ripercussioni sui nostri connazionali che si trovano nel Paese. Un numero che, in ogni caso, proprio a causa del precipitare della situazione politica degli ultimi mesi, si è ridotto dell'80% rispetto all'anno scorso.«Non ci aspettavamo un'azione così traumatica da parte delle autorità. Siamo comunque in continuo contatto con i nostri rappresentanti locali e con i funzionari egiziani del ministero del turismo e tutti ci hanno ripetuto che per i turisti la situazione è tranquilla», afferma il presidente della Fiavet (Federazione italiana associazioni imprese viaggi e turismo) Fortunato Giovannoni, sottolineando che già da tempo a tutti coloro che scelgono una vacanza per l'Egitto viene ripetuto di «evitare gli assembramenti e le piazze dove si tengono le manifestazioni».Egitto, l'esercito sgombera i campi, decine di morti«Le autorità - prosegue - tutelano al massimo la sicurezza dei turisti. Certo, non possiamo escludere che singole persone vadano a fare i curiosi nelle piazze dove si tengono le manifestazioni, ma a tutti i nostri associati abbiamo dato indicazioni precise». Tra i 1.500 e i 2.500 turisti italiani, dice Giovannoni, si trovano nelle località sul Mar Rosso, da Marsa Alam ad Hurgada fino a Sharm el Sheikh, o a Marsa Matrouh, sul Mediterraneo. Al Cairo invece, ci sarebbero meno di mille persone: numeri nettamente inferiori rispetto agli anni passati, che non riguardano solo l'Italia ma tutti i Paesi europei. «L'instabilità politica ha provocato un calo dell'80% sulle partenze dall'Italia, dell'85% al Cairo - spiega il presidente della Fiavet - ed è fermo anche il 50% delle crociere sul Nilo».

Anche all'Astoi, l'Associazione dei Tour operator che aderiscono a Confindustria, non risultano problemi per gli italiani. «Siamo in contatto con i nostri soci locali e con la Farnesina, al momento non abbiamo segnalazioni particolari» provenienti dai resort. La situazione, spiega il direttore, Flavia Franceschini, è in sostanza «invariata rispetto alle settimane scorse»: dopo gli avvisi del ministero degli Esteri le escursioni sono limitate alle zone limitrofe ai villaggi turistici mentre sono sospesi tutti i tour dell'Egitto classico, quelli che comprendono Il Cairo, Luxor, Assuan e le crociere sul Nilo. «Ai turisti - si limitano a dire dall'Ente del turismo egiziano in Italia - non è mai accaduto nulla. Non ci sono problemi di sorta per loro».«Considerate le frequenti tensioni che dilagano nel paese, vogliamo ricordare a chiunque abbia acquistato una vacanza in Egitto, che nel momento in cui si ritiene venga meno la finalità turistica del proprio viaggio, è possibile chiedere l'annullamento del pacchetto vacanza acquistato, senza pagare alcuna penale». È il Codacons a sottolinearlo in una nota ricordando che la Corte di Cassazione nel 2007 ha affermato che la finalità turistica, o scopo di piacere, connota la causa concreta del contratto. «Ne deriva - spiega l'associazione - che eventi sopravvenuti alla stipula del contratto incidendo negativamente sulla sicurezza del soggiorno e, quindi, sulla ''finalità turistica" del viaggio, comportano l'estinzione del contratto per sopravvenuta irrealizzabilità della causa concreta dello stesso».Dal canto suo Federconsumatori «visti i recenti, drammatici sviluppi della situazione in Egitto, rinnova la richiesta alla Farnesina di estendere lo sconsiglio anche alle località del Mar Rosso e del Nord del Paese». Federconsumatori si dice anche «allibita» del fatto che «il provvedimento non sia stato ancora formalizzato per tutto il Paese».