Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
Il Sole 24 Ore Online Sito Web - La Farnesina sconsiglia anche i viaggi sul Mar Rosso

Il Sole 24 Ore Online Sito Web - La Farnesina sconsiglia anche i viaggi sul Mar Rosso

02 Febbraio 2011

Asia e Oceania

MILANO La Farnesina continua a sconsigliare i viaggi non necessari in Egitto, compresi quelli nel Mar Rosso, dove comunque per il momento la situazione «resta sotto controllo». E diversi tour operator bloccano le partenze. Intanto Alitalia aumenta la capacità dei voli per favorire il rientro dei connazionali. «Nonostante gli avvertimenti della Farnesina, qualche decina di italiani ha deciso di partire ugualmente per le località del Mar Rosso» spiega Roberto Corbella, presidente dell'Astoi, l'associazione dei tour operator italiani. Nelle località costiere la situazione è tranquilla, ma la Farnesina ha preferito essere prudente. Noi abbiamo girato ai nostri clienti le sue indicazioni e abbiamo smesso di inviare turisti tranne chi ha chiesto di partire ugualmente. Dall'Italia abbiamo fatto comunque partire aerei vuoti destinati a riportare in patria i viaggiatori che avevano terminato le loro vacanze in Egitto e chi aveva chiesto il rientro anticipato, fenomeno che è stato però limitato». Partenze sospese per l'Egitto dal 30 gennaio al 3 febbraio per Alpitour che ha fatto rientrare con voli charter, atterrati tra il fine settimana e ieri mattina, tutti i suoi clienti che si trovavano al Cairo. Ancora sabato, invece, sono partiti dall'Italia alcuni turisti per le destinazioni sul Mar Rosso: al momento, secondo quanto riferito dal gruppo, chi si trova nelle località costiere è «tranquillo», tanto che il tour operator non ha ricevuto richieste di interruzioni del soggiorno e rientri anticipati.

La conferma arriva anche da Cinzia Renzi, presidente della Fiavet, federazione di imprese turistiche: «A Sharm al momento, da quanto mi dicono i nostri associati lì, non c'è nessuna emergenza a parte il coprifuoco, che naturalmente non rende possibili le escursioni lontano dai villaggi della costa. In ogni caso i voli tornano pieni, ma perché riportano a casa i turisti italiani che hanno finito la settimana di vacanza. Fino a domenica erano circa 8mila gli italiani presenti a Sharm; 4mila sono tornati, ma solo a causa della fine della settimana di vacanze». Rassicurazioni sul Mar Rosso arrivano anche da Federviaggio federazione del turismo organizzato. «Dall'11-12 gennaio - spiegano - dovrebbero riprendere regolarmente i voli e dunque gli arrivi turistici nelle località balneari dell'Egitto, salvo un prolungamento dell'avviso della Farnesina. I turisti italiani partiti sabato stanno svolgendo di una vacanza

tranquilla e senza alcun motivo di turbamento. Anche i nostri corrispondenti locali ci assicurano che non ci sono situazioni pericolose». L'articolo continua sottoIntanto arrivano le prime indicazioni a difesa dei consumatori. Il Codacons chiede che vengano rimborsati non solo i viaggi annullati che avevano per destinazione Il Cairo e Alessandria d'Egitto, ma anche quelli con destinazione Nilo e Mar Rosso. «Sono moltissimi - fanno sapere da Federconsumatori - i turisti che avevano in programma viaggi in Egitto e che, in
questi giorni, si stanno rivolgendo alle nostre strutture per sapere come comportarsi. A seguito del parere negativo da parte della Farnesina, agenzie e tour operator devono offrire ai passeggeri diretti in Egitto soluzioni per mete alternative o provvedere al rimborso di quanto pagato, senza alcuna penale».