Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
Il Sole 24 Ore - A Ferragosto un business da 7 miliardi

Il Sole 24 Ore - A Ferragosto un business da 7 miliardi

16 Agosto 2011

Turismo

Uno studio della Fipe calcola quanto vale il periodo più importante delle vacanze: calano gli italiani, ma aumentano arrivi e spese degli stranieri.

Grazie a 96 milioni di presenze in questa settimana si concentra la metà del fatturato di tutto il mese.

Non sarà tutto chiuso per ferie come in passato, ma la settimana di Ferragosto continua a dar manforte al business dell'industria del turismo. Sette giorni che valgono 96 milioni di presenze e 6,9 miliardi di euro di fatturato, pari a oltre il 50% del movimento turistico e del volume d'affari dell'intero mese. La stima è stata elaborata per Il Sole 24 Ore dalla Fipe, la Federazione italiana pubblici esercizi: in base ai calcoli dell'ufficio studi, quasi un quinto degli incassi dell'intera stagione estiva verrà realizzato da oggi fino a domenica prossima.

E se gli italiani in vacanza sono sempre di meno (-7,2%), gli stranieri invece aumentano l'affluenza nelle nostre località di villeggiatura, con una crescita delle presenze del 2,5% nel periodo tra giugno e settembre. «L'arrivo sostenuto di vacanzieri di altre nazionalità - spiegano dalla Fipe - fa ben sperare per le sorti delle imprese italiane, ma va comunque tenuto presente che la spesa estera rappresenta solo un quarto del totale, che risulta comunque in calo di oltre il 3% rispetto al 2010».

Concorda sull'analisi Bernabò Bocca, presidente di Federalberghi: «La settimana di Ferragosto tiene dal punto di vista delle presenze, ma sui fatturati le nostre previsioni sono improntate alla prudenza. Nelle località più esclusive non si registra il tutto esaurito, mentre molto richieste sono le formule low cost». La spesa media stimata per la villeggiatura estiva, secondo Federalberghi, sarà di 776 euro a persona, in calo del 10% rispetto agli 853 euro dell'estate scorsa. Insomma alla vacanza non si rinuncia, ma si punta al risparmio, soprattutto in questi giorni di altissima stagione, in cui i listini sono alle stelle: in tanti si rifugiano negli agriturismi, che stando alle stime di Turismo verde-Cia stanno accogliendo oltre 500mila persone, con un giro d'affari previsto per questa settimana di oltre 110 milioni di euro e un aumento medio delle presenze del 2-2,5% tra luglio e settembre.

«Complici i prezzi rimasti invariati rispetto allo scorso anno e la possibilità di last minute e di pacchetti sempre più personalizzati - sottolineano da Turismo verde - le previsioni da qui alla fine dell'estate parlano di oltre due milioni di pernottamenti, di una durata media del soggiorno in campagna di 4-5 giorni e di un fatturato complessivo pari a quasi 650 milioni».

Tra le possibilità di soggiorno scelte dagli italiani, l'hotel rimane comunque il leader incontrastato, anche se la quota di preferenze incassate scende al 32,8% rispetto al 34,6% del 2010 (indagine Federalberghi).

Tra le mete più in voga spopolano quelle marine: Puglia, Sardegna, Sicilia, Emilia Romagna, Toscana e Marche sono in vetta alle preferenze secondo Astoi, l'associazione dei tour operator italiani. I turisti stranieri, invece, privilegiano le città d'arte e i laghi, dove rappresentano rispettivamente il 59 e il 75% delle presenze complessive.

«Il turismo russo - dichiara Maria Concetta Patti, presidente di Federviaggio - è il più dinamico e anche quest'anno, come nel 2010, sta inanellando un secco +30% degli arrivi in Italia, crescendo a ritmi di quasi 150mila turisti all'anno».

Per quanto riguarda le destinazioni degli italiani all'estero, «buone le performance di Spagna, Turchia e in parte la Grecia - spiega Cinzia Renzi, presidente di Fiavet nazionale -, mentre tra i paesi esotici Messico, Repubblica Dominicana e Kenya si confermano mete in salute insieme al Mar Rosso, dove c'è stata una ripresa delle prenotazioni dall'inizio di agosto».

Le presenze turistiche si calcolano in base al numero di notti trascorse dai clienti, italiani e