Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
Il Quotidiano del Sud - Osservatorio Astoi di Confindustria: «I collegamenti difficili penalizzano la Basilicata»

Il Quotidiano del Sud - Osservatorio Astoi di Confindustria: «I collegamenti difficili penalizzano la Basilicata»

04 Luglio 2017

«La Basilicata ha un grande potenziale turistico ed esercita un forte richiamo, ma risulta penalizzata dal non avere aeroporti o stazioni ferroviarie ad alta velocità». E' la situazione del turismo organizzato italiano in vista dell'estate fotografata dall'Osservatorio Astoi Confindustria Viaggi. Secondo Astoi, in Italia la Sardegna è la regione preferita.

 

Per quanto riguarda il mercato nazionale era difficile superare i dati estremamente positivi del 2016, ma in generale le prenotazioni sono molto buone con performance degne di nota anche da parte di Sicilia e Puglia. Anche i collegamenti verso la Calabria,come quelli per la Basilicata, non riescono a soddisfare le richieste da tutte le regioni. In generale, comunque, l'osservatorio di Confindustria segnala un calo del last minute e un aumento delle prenotazioni anticipate (fino a +15%).

 

Si allunga, inoltre, la stagionalità con prenotazioni fino a settembre e il turismo organizzato mette a segno un incremento di oltre il 10%. Infine la Grecia è la destinazione regina nel Mediterraneo mentre la Spagna (Canarie, Baleari, Coste) è storicamente una delle mete più apprezzate dagli italiani, ma il forte incremento dei flussi degli ultimi anni ha portato ad un innalzamento dei prezzi da parte dei fornitori spagnoli (voli, hotel, transfer, etc) che, per l'estate 2017, non ha reso la destinazione competitiva nell'area, favorendo quindi altre mete.

 

«Il mercato del turismo organizzato, quindi presidiato dai tour operator, spiega il presidente Astoi, Nardo Filippetti - è in crescita e i dati ad oggi parlano di un primo semestre 2017 buono e di un'estate in particolare positiva. Il dato più eclatante è senza dubbio quello sulla prenotazione anticipata,che ha visto cambiare i comportamenti degli italiani: l'attesa del last minute, senza badare alla meta, si èevoluta in consapevole advance booking: la meta che voglio al prezzo che voglio».